Speranza Ghini

 

 

 

 

SperanzaGhini.jpg

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Marino Monti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

 

Atrz inriżn

Premio letterario Antica Pieve 2009

 

Coma cal rastladri

e chi parghr inriżn

in mostra int i żardn,

cur a pr inglş,

a scrar de temp indr,

i vc i s' ardş in piaza,

tar monument şgrapl,

şblach ins la banchena

i tira a cumbin

meżd cun l'ra d' zena

scarabucnd cun e baston

cal parl smpar pracişi,

pilstar dla su vita,

che e vent int un supion

scanzlendli e spargoja

tra i bot de campanon

 

Sculadz

seconda classificata antica pieve 2011

 

A so dri bem

goz a goza,

da la bcia

senza mistiri,

j ltom sculadz,

rba gra da aş

ch scrga e gargz,

mo ven s-cet e nv

mai m prs pi bon.

Digna d na lgrma

da bagnem la boca

dun turment ch dura

chu n mrt la voja,

e a min fz cont

chu si ved ża e cul

e nench di rosch gros

chi va dtravrs,

prafughs.

 

Zn

15 Concorso La leonessa, Brescia. 2014

 

A mol int e temp,

fantma chin scuren

mo cha n vlen avd,

n a caminen

fasnd cont dgnint

e da n sintir e vent

chu s scriv ads i d,

e caichndas int e cul,

us travolz e u sarbta.

N cha sgranfignen

la tra gnara

par tirs so,

n cla macia ngra,

cla mosca frma

ins e foj binch,

che na mn psa

la t dal

senza tnt snament.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attrezzi arrugginiti

 

Come quelle rastrellatrici

e quegli aratri arrugginiti

in mostra nei giardini,

curati a prato inglese,

a parlare del tempo passato,

i vecchi si radunano in piazza,

altri monumenti scrostati,

parcheggiati sulla panchina

tirano a combinare

mezzogiorno con l'ora di cena

scarabocchiando col bastone

quelle parole sempre uguali,

pilastri della loro vita,

che il vento con un soffio

cancellandole disperde

tra i rintocchi

del campanone.

 

Rimasugli

 

Sto bevendomi

goccia a goccia,

dalla bottiglia

senza misteri,

gli ultimi rimasugli,

roba acida da aceto

che scortica la gola,

ma vino schietto e nuovo

mai m parso pi buono.

Ogni d una lacrima

da bagnarmi la bocca

dun tormento che dura

che non s spento il deso,

e me ne faccio conto

che ci si vede il fondo

e anche dei bruscoli grossi

che vanno di traverso,

per soffocarci.

 

 

 

 

Birilli

 

Immersi nel tempo

fantasma di cui parliamo

ma che non vogliamo vedere,

noi camminiamo

facendo finta di niente

e di non sentire il vento

che ci scrive addosso i giorni

e, spingendoci nel sedere,

ci travolge e ci ribalta.

Noi che graffiamo

la terra dura

per rialzarci,

noi quella macchia nera,

quella mosca ferma

sul foglio bianco,

che una mano pesante

spazza via

senza tante smancerie.