Guidazzi.jpg

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Adolfo Margotti

Marino Monti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

 

Sergio Guidazzi

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                       

E’ mi’ paés luntân

Aldo Spallicci  2005

 

Quand ch’a séra luntân e a te a pinséva

u m’ingulpéva e’ côr la nustalgia

u m’ s’apanéva j’ occ e a m’insugnéva

d’ vulè coma un usèl e corar via.

 

Corar da te coma da e’ prêm amór

e in pgnéda a l’ombra di’ su’ pinarel

long a i sintir de’ bosch ch’ j’è tot in fior

turnè cun la memoria a ch’j’ ann piò bell.

 

L’alveda che la sbiânca la matêna

e’ sól che e nass da e’ mèr, ch’e va in ardor

ross infughì, murì tra la salêna,

un vól d’gabiên ch’e segna e’ dè ch’e môr.

 

Cla véla che la spunta in fond in fond

e piân piânin a riva la s’avsêna

dop a tant têmp ch’la zira par e’ mond

la tórna a la su’ ca, a la su marêna.

 

Vóla pinsir e arcordat d’ignaquèl

ênca s’l’è sól un sogn, s’u n’è la véra

e’ sogn de’ mi’ paés l’è e’ sogn piò bèl.

A turnarò ênca me prêma d’ fe séra.

 

E quand incora dest a nòta fonda

u m’casca j’occ, la vesta la s’apâna

la carezza de’ vênt l’increspa l’onda

e e’ mer u m’ cantarà la nina nâna.

 

 

Un sogn

San Martino d’Oro (Conselice) 2011

 

Alzir e’ pass, stanèla ch’la fa l’onda,

l’era e’ suris un raz ch’1’imbarbajeva,

la s’indureva a e’ sol la treza bionda

e me a sugneva.

 

A n t’poss scurdè burdèla, a n t’poss scurdè

cla rôsa rossa che t’purtiva a e’ pett

a la teng streta a e’ cor pinsend a te,

sempar piò stret.

 

E’ vola una cuméta a là so in zil

sempar piò in elt e’ vent u la sluntêna

a strenz in pogn ste sogn lighé a che fil,

mo tsì luntêna.

 

L’impronta di tu pass long a la riva

in faza a e’ mèr int e’ calè dla sera,

a què a sem incuntré quand ch’ l’imbruniva,

l’è stè amor vera.

 

E’ nass la prêma stèla e avem spitè

e’ scur dla nota ch’u s’ avniva adoss,

nota, dura piò a long, ch’ a voi sugnè

piò tânt che a poss.

 

 

Il mio paese lontano

 

Quando ti ero lontano e a te pensavo

mi avvolgeva il cuore la nostalgia

mi si appannavano gli occhi e sognavo

di volare come un uccello e correre via.

 

Correre da te come dal primo amore

e in pineta, all’ombra dei suoi pini

lungo i sentieri del bosco tutti in fiore

tornare con la memoria agli anni più belli.

 

L’alba che sbianca la mattina

 il sole che nasce dal mare che va in ardore

rosso infuocato, morire tra la salina,

un volo di gabbiani che segna il giorno che muore.

 

Quella vela che spunta in fondo in fondo

e pian piano a riva s’avvicina

dopo tanto tempo che gira per il mondo

torna a casa sua, alla sua marina.

 

Vola pensiero e ricordati d’ogni cosa

anche se è solo un sogno, se non è vero

il sogno del mio paese è il sogno più bello

Tornerò anch’io prima di far sera.

 

E quando ancora desto a notte fonda

mi cascano gli occhi, la vista si appanna

la carezza del vento increspa l’onda

e il mare mi canterà la ninna nanna.

 

 

 

 

Un sogno

 

Leggero il passo, gonna che ondeggia,

era il sorriso un raggio che abbagliava

e s’indorava al sole la treccia bionda

ed io ti sognavo.

 

Non ti posso scordare fanciulla, non ti posso scordare

quella rosa rossa che portavi al petto

la tengo stretta al cuore pensando a te,

sempre più stretta.

 

Vola un aquilone lassù in cielo

sempre più in alto il vento l’allontana

stringo in pugno il mio sogno legato a quel filo

ma tu sei lontana.

 

L’impronta dei tuoi passi lungo la riva

in faccia al mare sul calar della sera,

qui c’incontrammo quando imbruniva,

fu amore vero.

 

Sta nascendo la prima stella e abbiamo atteso

il buio della notte che ci veniva addosso,

notte, dura più a lungo, perché voglio sognare

più che posso