Monti.jpg

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

TORNA A ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

 

Marino Monti

Nota

Aldo Spallicci 2002

 

Quent che la nôt

la cala sora al spal

e la m’vstès de su culor

u s’sent cl’udor fresch

che e’ chesca sora la tera

scartuzeda int la guaza,

e in che vuit dla calera

u s’arponsa dagl’ombri

coma pinsir intrugnì

che d’int la testa

i n’ s’ mov

e in cl’eria basa

sota a che zil senza una stela

una lus l’ars-cera una finestra

d’una ca luntân

splida int un’ombra

d’una nôt za paseda.

 

Insen

G. Villa. San Clemente 2013

 

Cvand che al stasón

agl’arâfa l’istê

a s’incaminé pr una strê nova.

Cla lus la j ha parol dolzi

ch’al s’infila int e’ cor.

Una pês d’un dman

zà pinsè.

In cal seri

indò che tot u s’svuita,

cvand ch’e’ perd vigor la vita

e u s’aramasa e’ bser dal nuval

sora la ca,

una lus incrispêda la bat ai vidar,

coma gózal d’acva ch’al sgvela

int la faza.

I dé srè int e’ cör

i ferma la vos d’j arcurd.

Tot du insén

a la finestra

cuntent dla fadiga fata

guardé la lona

spicés int l’èra.

 

 

 

 

 

Notte

 

Quando la notte

cala sulle spalle

e mi veste del suo colore

si sente quell’odore di fresco

che si adagia sulla terra

accartocciata nella rugiada,

e nel vuoto della carraia

si riposano le ombre

come pensieri malati

che dalla testa

non si muovono

e in quell’aria bassa

sotto in cielo senza stelle

una luce rischiara una finestra

di una casa lontano

sepolta nell’ombra

di una notte già passata.

 

 

Insieme.

 

Quando le stagioni

rapiscono l’estate

ci si avvia verso nuovi orizzonti.

Quella luce ha parole dolci

che penetrano nel cuore,

una quiete di un domani

già pensato.

In quelle sere

in cui si svuota tutto,

quando perde vigore la vita

e si accumula il peso delle nuvole

sulla casa,

una luce increspata batte ai vetri,

come gocce di acqua che scivolano

sul volto.

I giorni chiusi nel cuore

fermano la voce dei ricordi.

Tutti e due insieme

alla finestra

contenti della fatica fatta

guardare la luna

specchiarsi nell’aia.