Giuseppe Cantoni

 

 

 

 

Cantoni.jpg

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Marino Monti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

 

 

Finestra  èlta 

Antica pieve 2012 

                                          

E' mi bus ad  cuseina int la cuntreda

e' sufét scur a castùn

la finestra èlta cun la frèda

un s' veid no al ca, no e' via vai d' la strèda:

e' mond e'  rèsta adlà, cun i su sun.

 

La faza d' la lôna smangagnéda

la bóta un' ucéda ad pasag,

 a la su ora,travers a la frèda,

ucéda d'intesa,

careza giazéda ch' la fa pu curaġ

 

E' raz l' azend la spicira de cadein

e po via via l' arlus tot quel che luta

piò che nun: al tàtar sora l' àsa de camèin,

e' fèr da stir, i litràt mi vidar

de vèč cardanzèin, calzidar,

brochi ad reim... e' tu tulir.

 

E' zeirca cantùn d'ombra du ch' j' è pirs

i tu sguird, i tu pinsir, i bel ricurd

al pochi parol deti, dolzi e duri

dentar che nid ad trop silenzi, rot

da scricladéz ad triv, vent ad fisuri.

                                                                                                                              

E' pareva parfina ch' i' vles di quèl,

dal volti,cun i su ciul, i triv,

e'me par lamantès d' un mèl,

d' un ché dulurèint de nost avsù, o sol

pr' e' chèld e' fred, i pis trop griv.

 

 

 

 

 

Finestra alta.

Il mio buco di cucina nella contrada,

soffitto scuro a cassettoni

la finestra  alta con l'inferriata,

non si vedon le case né il via vai sulla strada:

il mondo resta di là, con i suoi suoni.

 

 

La faccia della luna ammaccata

getta un'occhiata di passaggio

a la sua ora, attraverso l'inferriata

occhiata d'intesa,

carezza gelida che fa pur coraggio.

 

Il raggio accende la specchiera del catino

e poi via via riluce tutto quel che dura

più di noi: le cianfusaglie sulla trave del camino,

il ferro da stiro, i ritratti

sui vetri della vecchia credenza, secchi,

e brocche di rame... il tuo tagliere.

 

 

Penetra angoli d'ombra dove si son  persi

i tuoi sguardi, i tuoi pensieri, i bei ricordi,

le poche parole dette, dolci e dure,

dentro quel nido di troppi silenzi, rotti

da scricchiolio di travi, vento di fessure.

 

Sembrava perfino che volessero dir qualcosa,

a volte, coi loro cigolii, le travi,

come per lamentarsi d'un male

d'un sentore dolente del nostro vissuto, o solo per

il caldo, il freddo, i pesi troppo gravi.