Franco Ponseggi

 

 

 

 

Ponseggi.jpg

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Marino Monti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

 

 

Migrantes

XXXV premio letterario Moncalieri

 

Le scur e mr, e ngra le la nt,

aglnd rabii al bat int e barcon,

cun e su p d dulr, disperazion.

 

Le pvra ent, ognon la e su fagt

cun cvatar strz, e fm, sudr, fadiga,

in zrca d libart, duna mn amiga.

 

Ja ls e su pa e la su tra,

ja travars dert, muntgn, pianura,

int joč i segn dla mrt e dla paura.

 

Je schp da la miria e da la gvra,

da fm, persecuzion, viulenz, terr,

tnu so da la spernza d p, d lavr.

 

Uel chi zrca un nid pri su pici,

agli l avrti, a la, batu da e vent,

gvardnd luntn e zil, senza un lament.

 

Uel chi zrca un nid, chi va mari.

La nt le scura, e ngar tot e mr,

mo a luriont e zil e p pi cr.

 

 

 

Invran

Aldo Spallicci 2009

 

E fes-cia e vent, linvran l a l fura

e u-s tira dri la nv in mulinl,

la nt l su cumpgna, lria scura,

e zil l p e vut, u n pi stl.

 

Un sens antich, un sens che fa paura,

e streca e cr, giaz cm un curtl,

mbar, fantum chj orla cun la bura,

i-s sent a galup cun znt cavl.

 

Ascult. A sent pin pin che bat larloj,

pin pin, e bat, pin pin, cvsi un lament

dlistnt dads che ormai l a pas

 

e, goza a goza, e dventa eternit.

E fura cma e temp e pasa e vent

e u-s prta dri i pinsir cma dal foj.

 

 

 

 

 

 

Migrantes

 

scuro il mare, e nera la notte,

le onde rabbiose sbattono nel barcone,

con il suo peso di dolore, disperazione.

 

povera gente, ognuno ha il suo fagotto

con quattro stracci, e fame, sudore, fatica,

in cerca di libert, di una mano amica.

 

Hanno lasciato il loro paese e la loro terra,

hanno attraversato deserto, montagne, pianura,

negli occhi i segni della morte e della paura.

 

Sono scappati dalla miseria e dalla guerra,

da fame, persecuzioni, violenze, terrore,

sostenuti dalla speranza di pace, di lavoro.

 

Uccelli che cercano un nido per i loro pulcini,

le ali aperte, l, sbattuti dal vento,

guardando lontano il cielo, senza un lamento.

 

Uccelli che cercano un nido, che vanno smarriti.

La notte scura, e nero tutto il mare,

ma allorizzonte il cielo sembra pi chiaro.

 

 

 

 

Inverno

 

Fischia il vento, linverno l fuori

e si trascina dietro la neve in mulinello,

la notte sua compagna, laria scura,

il cielo pesante e vuoto, non ha pi stelle.

Un senso antico, un senso che fa paura,

stringe il cuore, freddo come un coltello,

ombre, fantasmi che ululano con la bora,

si sentono galoppare con cento cavalli.

 

Ascolto. Sento pian piano che batte lorologio,

pian piano, batte,pian piano, quasi un lamento

dellistante di adesso che ormai gi passato

 

e, goccia a goccia, diventa eternit.

E fuori come il tempo passa il vento

e si porta via i pensieri come delle foglie.