Diana Sciacca

 

 

 

 

Sciacca1.jpg

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Marino Monti

Rosalda Naldi

Augusto Muratori

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Bruno Zannoni

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

 

 

 

 

E znin

Antica Pieve di Pieveacquedotto 2008

 

E fa di strid cma di rundon

che i vla in tnd a sra

vrs e sl che cala.

E nenca lo, che e fa fadiga a str in pi,

e rid, e agja tot e bl de mnd.

Tnti fazi a lo dintran

che al fa di virs e al di, al di.

E lo e rid,

cun j oc pin ad nval e gozli ad fli

e dli aliri.

La ni fa mbra la pavura.

J oc chit fesa avirt, senza malizia;

i n vest i spgul dla ca

n i spen dal ri.

I su pinsir j badarel de vent,

j bres ad piuva sra djoc chi bota.

I s condla a e prm sl

dla staon pi bla,

tnar cma al pimi dun picin

o una pighra in fjr.

 

 

 

 

 

 

 

Il piccolo

 

Fa stridi come i rondoni

che volano in cerchio a sera

verso il sole che tramonta.

E anche lui, che stenta a stare in piedi

ride e canta la bellezza del mondo.

Tanti volti intorno a lui

fanno versi e dicono, dicono.

E lui ride,

con occhi pieni di nuvole, di gocce di favole

e ali leggere.

Non ladombra la paura.

Sono occhi che ti fissano aperti e fiduciosi.

Non hanno visto gli spigoli della casa

n le spine delle rose.

I suoi pensieri sono trastulli del vento,

sono scivoli di pioggia sopra gemme in rigoglio.

Si cullano al primo sole

della stagione pi bella,

soffici come le piume di un pulcino

o un pescheto in fiore.