temporale.jpg

 

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Adolfo Margotti

Marino Monti

Rosalda Naldi

Augusto Muratori

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA A ISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

Bruno Zannoni

 

Dun

Spallicci 2011

 

A lora dolza duna tamariş,

sra sta duna chla reşest incra,

a guerd e mr e a truv al mi radiş

chan li zarchva pi da pu dalra;

 

da qund, dist, a vnva, da burdl,

a corr in mż a i żonch, insen a e vent,

a caza drozlamrda, stra e grasl

e i chelgatrpul cu i su fir darżent.

 

E cma qusta, zznt muntgn ad sbia

che vent e aqua i li mitva insen:

la bura la i scarghva la su rbia

e u li frustva che vigliach dgarben.

 

Sra cal dun, in zrca daventra

n sl a pimb e gnnca i pi bruş,

un gnra gnint che u sfaşss para

neca se ormi a lgna da sav

 

che pu la sra che bruşr cla cta!

A i tmp dal dun, in spigia, unnma viva:

un qulch cuchl in zrca dna pissta,

na brca a cul in so, sra la riva.

 

A glra zzent al dun cumpgn a questa,

qund che i mi sgn i nra miga tnt,

pu a gl gvintdi tra da cunqusta

e ads j armst, dal dun, sl i rimpint.

 

Tempurl

omaggio a Spaldo 2012

 

U j era qulca nuvla a zirandln

e pu, tt int na vlta, u s fat scur;

in luntannza e p pi avśn, e tn

che lha anunzi, picind s esu tambr

 

larv de tempurl che, s du p,

dla spigia lha z fat piza pulda.

E mr par un mumnt u nha cap,

mo adss un vnt senzusta, s, chu ls-cida:

 

u j era in zma aglnd un rch-celst

mis-ci cun una spma binca-pna

mo adss i cavalln j lza al su crst

scuri, coma st vnt ad tramuntna.

 

La pcia la timpsta la su rbia

s i śdrj abandun, a cul in s;

un umbriln e rzla s la sbia

in zrca dla su ra chl'an gn pi.

 

I sfida la burrsca, l, luntn,

chi du gabin chi pnta contre vnt

e i rgia zigh che j tt un ingn:

e p ch i pinźa e invzi j cuntnt!

 

Sculda

Spallicci 2010

 

Sta ntt la lna lha zugh cuglnd

e adss che liba l le dri chlarva

la i cmnda dstr incra la z, in fnd,

invzi che part pr andr a riva,

m l u n p prpi cha gli dga mnt

e al dis a e mr ch'u s'mta in muvimnt.

 

La spigia, intnt, iqu la p un desrt;

mit l assota e mit bagnda,

e ind che laqua lha las e su scvrt

i svd tt a la lnga dla sculda

i bgul di canl che j and sta

qund che - sicura! - i sl vsta brta.

 

La sgucia na purza stra la sbia,

la zrca l'aqua, la n la trva brisa

e alra li la spuda la su rbia

parch i la lsa a e sch e inci u l'avsa

e lha cap, purtrp, che ormi, sta vlta,

dun purazr la finir int la clta.

 

Una gran stsa dgrnz a pnza in so

e, spargujdi, cun la bca avrta,

pistt e capar chi n pssa pi

e dp unagunja acs sufrta

i sta dastr e bch dun qulch cuchl

che z s la marna e strssa gll.

 

M adss la slza svlta la mara

e in prissia vrs la spiaggia la savsna

prma che - u n ssa mai - chal chmbia ida

cal birichn daglnd chal smuv apna.

M l s, la natura, par furtna,

la jha z mss esl a epst dla lna.

 

 

 

Dune

 

Allombra dolce di una tamerice,
su questa duna che resiste ancora,

guardo il mare e trovo le mie radici

che non cercavo pi da allora;

 

da quando, destate, venivo, da ragazzo,

a correre in mezzo ai giunchi, assieme al vento,

a caccia scarabei, tra la salicornia

e la calcatreppola con i suoi fiori dargento.

 

E come questa, cento montagne di sabbia

che vento e pioggia mettevano assieme:

la bora ci scaricava sopra la sua rabbia

e le frustava quel vigliacco di libeccio.

 

Sopra quelle dune, in cerca di avventura,

n sole a piombo e nemmeno piedi arsi,

non cera niente che ci facesse paura

anche se ormai lavremmo dovuto sapere

 

che poi la sera che bruciore quella scottatura!

Ai tempi delle dune, in spiaggia, non unanima

qualche gabbiano in cerca di una pissotta,

una barca rovesciata, sopra la riva.

 

Erano cento le dune come questa

quando i miei sogni non erano mica tanti,

poi sono diventate terra di conquista

ed ora sono rimasti, delle dune, solo i rimpianti.

 

Temporale

 

Cera qualche nube qua e l

poi, tutto ad un tratto, si fatto scuro;

in lontananza e poi pi vicino, il tuono

ha annunciato, battendo sul suo tamburo,

 

larrivo del temporale che, su due piedi,

della spiaggia ha gi fatto piazza pulita

Il mare per un momento non ha capito,.

ma ora un vento sgarbato, si, che lo sveglia:

 

cerano in cima alle onde un arcobaleno

mescolato con una spuma bianco-panna

ma adesso i cavalloni alzano le loro creste

scure, come questo vento di tramontana.

 

Picchia la tempesta la sua rabbia

sulle sedie a sdraio abbandonate, capovolte;

un ombrellone ruzzola sulla sabbia

in cerca della sua ombra che non c pi.

 

Sfidano la burrasca, l, lontano,

quei due gabbiani che puntano contro il vento

e urlano grida che sono tutto un inganno:

sembra che piangano e invece sono felici !

 

 

 

"Scolata" (bassa marea)

 

Questa notte la luna ha giocato con le onde

ed ora che l'alba sta per arrivare

chiede loro di stare ancora laggi, in fondo,

anzich partire per andare a riva,

ma loro non sembra proprio che le diano ascolto

e dicono al mare di mettersi in movimento.

 

La spiaggia, intanto, qui sembra un deserto;

met asciutta e met bagnata,

e dove lacqua ha lasciato il suo scoperto

si vedono lungo tutto il bagnasciuga

i bigoli dei cannelli che sono andati sotto

quando - sicuramente - se la sono vista brutta.

 

Origlia una vongola tra la sabbia,

cerca l'acqua, non la trova

e allora lei sputa la sua rabbia

perch la lasciano a secco e nessuno l'avverte

ed ha capito, purtroppo, che ormai, stavolta,

finir nella raccolta di un vongolaro.

 

Una grande striscia di granchi a pancia in alto

e, sparpagliate, con la bocca aperta,

pissotte e conchiglioni che non spruzzano pi

e dopo un'agonia cos sofferta

stanno ad aspettare il becco di un qualche gabbiano

che gi sul mare sta strisciando le ali.

 

Ma ora si alza veloce la marea

e in fretta si avvicina verso la spiaggia

prima che - non si sa mai - cambino idea

quelle birichine delle onde che si muovono appena.

Ma lass, la natura, per fortuna,

ha gi messo il sole al posto della luna.