image048.jpg

 

 

Maria Piolanti Baldassari

Giuseppe Cantoni

Arrigo Casamurata

Daniela Cortesi

Franco Falconi

Edda Forlivesi

Luciano Fusconi

Antonio Gasperini

Speranza Ghini

Sergio Guidazzi

Marino Monti

Augusto Muratori

Rosalda Naldi

Loris Pasini

Franco Ponseggi

Diana Sciacca

Bruno Zannoni

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

Adolfo Margotti

 

 

 

 

 

A voi las una pdga

AUSER, dare vita agli anni

 

E pasa e treno, un grndarmr

chu s sluntna

senza las anson segn.

Din zil, tot qunt i d,

e pasa un grnd lusr

un gran calr e pu

e ven la sra e tot e scumpares.

In zil, la nt, e spasegia al stl:

un zet, un fred, un bur

mo qund chu s liva e sl,

impauridi al scapa toti

la lna n:

la pasa d nt, la pasa d d

e, un p smalvida,

s l voia d zugh

la met la mascra a e sl

mo d quel chzuzd

un gnarmsta traza invel.

Nenca me a ps sota a ste zil

e int una sra chlma o burascsa

a fnir e mi temp.

Alra a toi un foi

e nenz chu s fga bur

coma cal nuval

chaglimbarsla e zil

a fgh di scaraboc.

Chis dmn, forsi, a gvard ben,

u s truvar una pdga

ins che sintir

in do cha j strasin i mi ps.

 

 

 

Voglio lasciare una impronta

 

Passa il treno, un gran rumore

che sallontana

senza lasciare nessun segno.

Din cielo, tutti i giorni

passa una gran luce

un gran calore e poi

viene la sera e tutto scompare.

In cielo, la notte, passeggiano le stelle

un silenzio, un freddo, un buio

ma al levar del sole

spaventate, fuggono tutte.

La luna no,

lei passa di notte, passa di giorno,

e, se ha voglia di giocare,

un po sbiadita

mette la maschera al sole

ma di quello che succede

non rimane traccia.

Anchio passo sotto questo cielo

e in una sera, calma o burrascosa,

finir il mio tempo.

Allora prendo un foglio

e prima che faccia buio,

come quei cirri

che sporcano il cielo

faccio degli scarabocchi.

Chiss, domani, forse, a guardar bene

si trover unimpronta

su quel sentiero

ove ho trascinato i miei passi.