image003

NADIANI

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Fabio Molari

Gianfranco Miro Gori

Giovanni Nadiani

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

 

Sante Pedrelli

Raming o piligrin

 

Raming o piligrin,

guard tla mi bisaza.

I murt e i viv, che a cns,

tot spargui pre mond.

Un lt una zit,

la mi parla sprsa...

L da pu prima dnas,

cha pruvm ad vlis ben.

 

 

Dp

 

Mo l vra qul tdi

che dp a mrt arns,

cha nprd gnent a muri

cha ciap pi dqul cha ls?

 

 

E righli

 

E m Signur, th fat un bl pastrc

a rigalm la vita insn sla mrta:

e pi cha i pns, e pi cha dvnt stralc.

 

 

Stop

 

E tlutum ven stu

che dis: - Pedrelli, stop. -

Mai vst e mai cnusu.

 

 

canifs

 

A chmp cm cha ni fs

a murir lists?

 

 

I p ma tra

 

I p ma tra

la testa praria

a rid a cor

mo da disdi.

 

A nho n cmand

n nom n raza,

che po cha i ho

l guasi a sa.

 

Guard la nvla:

l tot se piov

l gnent sla ssfa.

 

Tra e vird e e sc

un fil dtlaragna,

a mgod la sira.

 

 

Ramingo o pellegrino

 

Ramingo o pellegrino,

guardate nella mia bisaccia.

I morti e i vivi che conosco,

tutti disseminati per il mondo.

Un letto, una citt,

la mia parola dispersa...

E gi da prima di nascere

che proviamo ad amarci.

 

 

 

 

 

Dopo

 

Ma vero quello che dici

che dopo morto rinasco,

che non perdo niente a morire

e prendo pi di quel che lascio?

 

 

 

 

IL REGALO.

 

O mio Signore, hai fatto un bel pastrocchio

a regalarmi vita e morte insieme:

io pi ci penso, pi divento strabico.

 

 

 

 

STOP.

In ultimo viene costui

che dice: - Pedrelli, stop. -

Mai visto e conosciuto.

 

 

 

 

Non ci fossi

 

Campo come non ci fossi,

morir lo stesso?

 

 

 

 

 

 

I piedi sulla terra

 

I piedi sulla terra

la testa nelle nuvole,

io rido e corro

ma da seduto.

 

Non ho potere

n nome n stirpe,

quel poco che ho

quasi mi basta.

 

Guardate la nuvola:

tutto se piove,

niente se si disfa.

 

Tra il vivere e il morire

un filo di ragnatela,

io mi godo la sera.