Paolo Borghi

 

Vai a Poeti Del Parco

Vai a Qohlet (premiato Award A.L.P. 2013)

 

 

 

 

image003

 

 

 

Giuseppe Bellosi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

 

E ciapa spech e mr

 

Spridi radi dvent caval dla sra

al sardu dnnz dal cundensdi traz

dnval sustnnd la nt

ment chla rimpiaza larlur de d.

Pu u-s fa vent int e sri

u slza e mr

e pu a-n zrch gnnca pi, stram agli nd

dla burasca, un sintir chu-m scurta a e sren

infena che la tra

la-s scnsa a i mi pinsir.

E mentar cha-n rinses a truvm dentar

viguri raon par arcurdmla

e ciapa spech e mr.

 

 

Scirch

 

E lins de tramont lumb, int e flei

dla caldna infughida de scirch

chlimbazucles al frz e me, igna md,

indulent a i dagh ment. Sra la brca

fiaca, insunlida ins lncura, la pasa

indifarenta la staon e a me svit

e deidri ad salpr e griv

lard intrigh de camp

 

 

Un strmbal armistizi

 

Areb chra dav lalir dcuntt

ste mi instichm fra lstar sm ad mr,

ad cvel cha s, ad tot jincantament

chi-m cuima dentar,

de praci mument

qund chi-s raon i dulfen

a gvaz sra lnda senza temp

int la nt indulenta.

Scampiet scurt ad strinura sbit sota

e main dla pruva

e chi madrna

dun strmbal armistizi cun me stes.

 

Areb nench chra dsar bon dspiegh

ad cvel che pu u marmasta

dsgvit a e su cumit,

ad ste mi vuluntri cunfen

da un vdar estar.

 

 

A savreb cundividli.

 

Ta-m cuntitia de mr

cumpgn a un paragon cun leistenza,

n dmra cuntintza,

tgitia pu.

E tscuritia de temp

e tintindivta incra, a crid, dla vita:

de ciap e lrgh, de turn a tra, spes

e cr gonf ad paura.

Ta-m cuntitia quest, vc,

e a li pinsva fli strufigndi

impas ariut int un

scrar sfiad.

Mrt, ads ta-n mutiv, l pas grn temp:

e mo a s me, cve, spst a scartabl

fra l tu parl int la mimria, inc

cha savreb cundividli.

 

Vai a Poeti del parco

 

 

 

Prende risalto il mare

 

Confuse folate di vento nella sera

spingono innanzi condensate tracce

di cirri sorreggendo la notte

mentre soppianta il chiarore del giorno.

Poi si fa vento vero,

salza il mare,

poi non cerco neppure fra le ondate

della burrasca, un sentiero che scorti al sereno,

finch la terra

si scansa ai miei pensieri.

E mentre non riesco a scovare in me stesso

incombenti ragioni di ricordo,

prende risalto il mare.

 

 

 

Scirocco

 

Lillanguidirsi del tramonto torpido

nel cocente alitare di scirocco

che stordisce le forze e cui daltronde

apatico acconsento. Sulla barca

fiacca a picco sullancora, fluisce

inane la stagione ed a me vuoto

il desiderio di salpare e greve

l ardito impaccio del vivere.

 

 

 

 

Uno strano armistizio

 

Mi piacerebbe poterti narrare

di questo inoltrarmi fra lucidi sciami di plancton

di ci che sono, degli abbagliamenti

che mi colmano dentro,

dellistante

nel quale ci raggiungono i delfini

a sguazzare sullonda senza tempo

nella notte indolente.

Scarti che a stento percepisco sotto

il dislocarsi della prua

e madornano

di uno strambo armistizio con me stesso.

 

Mi piacerebbe saperti anche spiegare

che cosa poi mavanza,

in seguito al loro commiato,

di questo mio volontario confino

da un algido esistere.

 

 

 

 

Saprei condividerle

 

Mi narravi del mare

come metafora dellesistenza

anni di amara esultanza,

dicevi poi.

E inoltre dicevi del tempo

e credo intendessi ancora della vita:

del salpare da terra, del tornarvi,

spesso col cuore grosso di sgomento.

Narravi questo, vecchio,

e le pensavo gualcite parabole,

vizze rivalse, in un

parlare esausto.

Morto, oggi taci, accaduto tempo,

ed ora io sono qui a scartabellare

quelle parole nel ricordo, adesso

che saprei condividerle.