image003

C. fuschini

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza 

Nevio Spadoni 

 

 

IN PONTA DPI

 

Che pu u srid e u spena

tot cvnt a na manira

e chi prun vrs o pr un tr a snanden

a ca de cpar dret coma di fu

e un cvl sl larmnza:

lsar pas in ste mond in ponta dpi

gvardend cun j oc de cr.

 

 

 

LA NT CHE LA MSCURVA DTE

 

Gvrda a la fadiga cha fagh

e n bad se a mvlt in dri

na cveica vlta inucar

imbadarl da l v chal cima.

A m sent com un rabi arin

na vida chla sapgia a lium

pch prema chi schsa e filr.

A so coma na spiga seca

chla ciapa e vent e un p la creca,

un fir che ten dast la sra

par srs int e su sn ad brena.

Int e mi zni a j camp

com un ul spaur int la brca

a j gvard mar t e zet

la nt che la mscurva dte.

 

NA VOIA ANTIGA

 

A la stazion de trno

un biond e ten dast;

e bat lurl e bt

t un fabrr gnar che brua la campgna,

e nenca me a bru

duna pasion antiga

lasend i cavel biond

ruf, cun un salut che bresa vi

e u s sfa int un sl mal.

 

 

Dnta

 

Nench princ lom di cuciarul l fn

e su ir che i d j tot preci.

J tum rundon da un pz i s l clta.

Larmnza pch o gnint sota la lna:

e sfujazr de vent, lacva chla bresa.

IN PUNTA DI PIEDI

 

In fondo poi si ride e si pena

tutti quanto in una maniera

e chi per un verso o per un altro ce ne andiamo

a casa del diavolo dritti come fusi

e una cosa sola resta:

lessere passati in questo mondo in punta di piedi

guardando con gli occhi del cuore.

 

 

 

 

 

LA NOTTE CHE MI PARLAVA DI TE

 

Guarda la fatica che faccio

e non badare se mi volto indietro

una qualche volta inocarito.

abbindolato dalle voci che chiamano.

Mi sento come un erpice arrugginito

una vite che si appoggia allolmo

poco prima che dissodino il terreno.

Sono come una spiga secca

che prende vento e sincrina un poco,

un fiore che aspetta la sera

per chiudersi nel suo sonno di brina.

Nel mio piccolo sono vissuto

come un uccello spaurito sul ramo

ho guardato smarrito nel silenzio

la notte che mi parlava di te.

 

 

 

 

UNANTICA VOGLIA

 

Alla stazione del treno

un biondo aspetta;

batte lorologio luna

in un febbraio rabbioso che brucia la campagna,

e anchio brucio

di una passione antica

lasciando i capelli biondi

arruffati, con un saluto che scivola via

e si disfa in un sole malato.

 

 

 

 

Di notte

 

Anche per oggi luomo delle castagne secche ha terminato

il suo giro che i giorni sono tutti uguali.

Gli ultimi rondoni da un pezzo se ne sono andati.

Rimane poco o nulla sotto la luna:

lo sfogliare del vento, lacqua che scivola.