image003

 W.Masotti

 

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

Leo Maltoni

 

ESM AD QUINTA IN CAMPAGNA

( 1972)

 

L cme savdss

uninnuznt a e mur

chlimplora du boch dspernza.

Achs, me at sint,

babna da i oc vird e spavant,

inciudda in te nir

dl lavagna

che tsoffi parli

culr durazin.

 

 

AL PURAZI (1972)

 

Dal vlti um pis

and trzi par marina

dinvran

quand che in tlrba

ui la brina.

Am trv tra vec, dni, burdll

chi zirca cun al mni

tra e sabion

si po truv

al purzi o du canll.

E nca m

am met in prucisin,

a raz in tra

impinnd e mi sacht

par guadagnm

la zina di puret.

 

 

INT E SCUR (2000)

 

St dra a me

ads chu slonga

lombra dla nta.

Cun la ligaza

di an ads

e cor u s ardt

un nid dpaura

nca se u j la luna.

Sta dra a me!

A l pens? A l dgh ?

A n e so gnenca me.

Mo se a l pens alvreb d

e se a ldegh

l ch a voj crid

che l so Qualcadn

u mdaga urcia

parch l un pz

che e lanzl da chnt

larmna giaz

tot la nta

e par la ca u mp

dsint int e scur

al zampadini dun gat

cha mfa vn pi tnt fred.

 

 

E PUSTIN

 

Quand che e vent

e taia la faza,

dinvran

i d senza sol

i mor prima d nas.

Dogni tnt da i vdar

u svid i pivr e al flini

chi sd dria

int e guz.

Me a n vgh lora

ch epasa e pustin.

E d ch a l so za

che tot i d

e va dret!

 

 

LA TU MNA

 

Al so cha j

i cavl impurbi

e a n so pi me,

che i d i va chi vola

e i n spo farm.

Mo me ancora voia

duna landa virda

cun di chn chi cor,

duna alvda intrighda

int una vala

quand che un cip dusl

e stresa al cani.

ancora voja

ad st da st

int e scur

la tu mna chla m faza

una carza.

 

ESAME DI QUINTA IN CAMPAGNA

 

come se vedessi

uninnocente al muro

che implora due soldi di speranza.

Cos io ti sento,

bimba dagli occhi verdi e spaventati,

inchiodata nel nero

della lavagna

che soffi parole

color di preghiera

 

 

 

 

LE POVERAZZE

 

Spesso mi piace

vagabondare lungo la spiaggia

dinverno

quando tra lerba

c la brina.

Mi ritrovo fra vecchi, donne e bambini

che cercano con le mani

nella sabbia

se possono trovare

le poverazze o qualche cannello.

Ed anchio

mi aggrego alla processione,

cerco in terra

riempiendo il mio sacchetto

per guadagnarmi

la cena dei poveri.

 

 

 

 

NEL BUIO

 

Vieni accanto a me

adesso che si allunga

lombra della notte.

Col fardello

degli anni addosso 

il cuore si ridotto

un nido di paura

anche se c la luna.

Vieni accanto a me!

Lo penso? Lo dico?

Non lo so neppure io.

Ma se lo penso

perch vorrei dirlo

e se lo dico

perch voglio credere

che lass Qualcuno

mi presti ascolto

poich da tempo

che le lenzuola accanto a me

rimangono fredde

tutta la notte

e per casa mi sembra

di percepire nel buio

lo zampettare dun gatto

che mi fa rabbrividire ancora di pi.

 

 

 

 

 

 IL POSTINO

 

Quando il vento

taglia il viso

dinverno

i giorni senza sole

muoiono prima di nascere.

Ogni tanto dalla finestra

si vedono pivieri e pavoncelle

che si rincorrono

negli acquitrini.

Io non vedo lora

che passi il postino.

E dire che lo so gi

che ogni giorno

tira dritto.

 

 

 

 

LA TUA MANO

 

Lo so che ho

i capelli bianchi

e non sono pi io,

che i giorni volano

e non si possono fermare.

Ma io ho ancora voglia

di una pianura verde

con i segugi che corrono,

di unalba tempestosa

in una palude

quando uno stormo di anatre

volteggia sulle canne.

Ho ancora voglia

di aspettare

al buio

che la tua mano

mi regali una carezza.