Lavandaie

NADIANI

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Leo Maltoni

Fabio Molari

Gianfranco Miro Gori

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

Guido Lucchini

Al  lavanderi

 

La zesta di pan sla testa

e' bench da lavè seta un braz

al suteni langhi fina i pid schelz

agl'andéva al lavanderi te' Marecia.

L'aqua de' fiom la cureva céra

trameza i sas,

la s'invrucéva sla s-ciòma dal bozi culuredi,

e séta e' pont

e' rimbumbléva e' sbatì di pan,

intent

e' cantè dal doni

l'era stori d'amor

e ad tradiment.

 

Al ciusòti

 

L'inverni us n'andèva si su straz

si su scasldein si su baràtul

che za un sulatin cheld e' faséva bus bus

tra i tett e i camèin ch'i fuméva

tal primi ori de' dopmizdè.

Tra l'chesi al dòni

l' s ciaméva tra d'lori quasi cantand

Maria andèm… Rusina…

Agl'andéva a ciusòti

un fazulet ner sla testa

tna mena un bidunzèin se mangh

a da cl'elta una curtlèina.

Agli andéva vers la marèina

sla paranènza ancora squizèda

ad saquadura ad piat.

I là, tla seca dre e' port,

a cul d'inso

al sfurgatéva tramez i sass,

li s racuntéva i su guai

e i fat dla barafanda.

E quand e' sol l'era bas

vers e' tramont

al turnéva mal su chesi cantand

e agl'era cuntenti

forse perchè tal meni

al strinzéva la zena par la sera

o forse perché i su pensir

j'era rest i là, tla seca,

trameza i sass…

 

E' trataròl

 

E' va zo par la marèina

ch'l'è ancora scur

schelz,

se su cròch atorna la vita,

i calzun invrucèd

sòra al znòci

la berba langa.

Una cima smorta tra j àbre

e grinzi neri un po' d'impartòtt,

cumè che i veint,

e' sol, e' fred,

al buraschi,

a gl'avess scavè e' monumeint

ma la fadiga.

 

E' zòch ad Nadel

 

Cl'an

l'era un Nadel ad guera,

la luce tla cusèna l'era schersa

parchè te' lom acetilène

e' carburo l'era poch.

E' zòch ad Nadel sora la ròla

ancora màll e sporch ad tera

e' féva fadiga a brusè

e e' fòm e' paréva

ch'e' vuless restè in famèa.

Però che pòch ch'e' scapéva de' camein

l'era cumè una luce bienca

per chi fiul in zir pr'e' mand

ch'i turnéva a chèsa.

 

Vècia Barafanda

 

Elta marea.

Andi cumè strachi ch'al bat ti tumbulun

e pu ch'al mor tla scugliera

tra squèz e s-cioma bienca.

Tl'aria l'udòr d'elghi morti

purtèdi de' siròch.

Vècia Barafanda…

[…]

la palèda l'ha fnì e' su temp

te' su post puntil pin ad luci

ch'li s specia tna mareina nova.

[…]

mo se fè dla sera,

intent che te ciel

u s zend al premi steli,

una beva da l'ostre

la porta un suspir ad vòsi,

al vòsi di ultme tratarul…

"Ciàpa la zima… zira la màza…

costa… costa…

 

 

 

Le  lavandaie

 

La cesta dei panni sulla testa

il banco da lavare sotto un braccio

le sottane lunghe fino ai piedi scalzi

andavano le lavandaie nel Marecchia.

L'acqua del fiume scorreva chiara

in mezzo ai sassi

si attorcigliava con la schiuma dalle bolle colorate

e sotto il ponte

rimbombava lo sbattere dei panni

intanto i canti delle donne

erano storie d'amore

e di tradimenti.

 

 

 

 

 

Vongole veraci

 

L'inverno se n'andava coi suoi stracci

coi suoi scaldini, i suoi barattoli

che già un solicello caldo faceva capolino

fra i tetti ed i camini che fumavano

nelle prime ore del pomeriggio.

Di casa in casa le donne

si chiamavano fra loro quasi cantando

Maria andiamo… Rosina…

Andavano a vongole

un fazzoletto nero sulla testa

in mano un barattolo col manico

nell'altra un coltellino.

Andavano verso la spiaggia

col grembiule ancora schizzato

dalla sciacquatura dei piatti.

Laggiù nella secca vicino al porto

a culo in su

frugavano fra i sassi

si narravano i propri guai

e le vicende del rione.

E quando il sole era basso

verso il tramonto

tornavano a casa cantando

ed erano contente

forse perché fra le mani

stringevano la cena per la sera

o forse perché le preoccupazioni

erano restati là nella secca

fra i sassi…

 

 

 

 

Il trattarolo

 

Va giù per la marina

che è ancora buio,

scalzo,

con il suo crocco attorno alla vita

i calzoni arrotolati

sopra le ginocchia,

la barba lunga.

Un mozzicone di sigaretta fra le labbra

e rughe nere un po' da tutte le parti

come se i venti

il sole, il freddo,

le burrasche,

avessero scavato il monumento

alla fatica.

 

 

 

Il ciocco di Natale.

 

Quell'anno

era un Natale di guerra

la luce nella cucina era scarsa

perché nella lampada ad acetilene

il carburo era poco.

Il ciocco di natale sopra il focolare

ancora bagnato e sporco di terra

faceva fatica a bruciare

e il fumo sembrava

che volesse restare in famiglia.

Però quel poco che usciva dal camino

era come una luce bianca

per quei figli in giro per il mondo

che tornavano a casa.

 

 

 

 

 

vecchia barafonda

 

Alta marea.

Onde come stanche che battono negli scogli

e poi muoiono nella sassaia

fra spruzzi e schiuma bianca

nell'aria odore d'alghe morte

portate dallo scirocco.

Vecchia Barafanda….

[…]

la palizzata ha fatto il suo tempo

al suo posto pontili pieni di luci

che si specchiano in una marina nuova.

[…]

ma sul far della sera

mentre in cielo

s'accendono le prime stelle

una brezza da ostro

porta un sospiro di voci

le voci degli ultimi trattaroli…

"Prendi la cima… gira la mazza…

costa… costa…