image003

NADIANI

 

 

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza 

Giuseppe Bellosi

3

 

Un p a la vlta

U s prs ignacsa.

E ads cvnt chu ni sra

pi stagli lbar,

stal ca chu i d e culr e sl,

pi ste zil,

alra a putren nench

metr e carnaz a los e f cont dgnint.

 

5

 

Vujtar cha si st cm cha sen n,

v cha mur par smpar,

dl da la mura,

cha vdi int un sni

cal vlt cha vafarmivi int e caf,

cha ciacarimi in piaza;

che p cha sen ariv a ds

ads a cve a-m larculd sl me.

E pu u-s tucar a n,

cvnt cha vniren int la ment

a on chu s cgnus,

e e sra un pinsir o un sni,

chu-s prd int laria.

 

E cvel chl nd l nd.

 

 

I

 

Ads che e d u-s fines

u-s vd insna sl ins e cunfen

e da l in l pi gnint,

zenza una v.

Lujtr i ten dast.

I-n brva pi,

i fa boca da ridar,

ads chu-n bat pi e cr.

 

 

DL DA LA NT

 

U-s fa bur dpsta.

A cve, in d che i nom e al ca

i muda smpar lugh, a faren cont

cha ni segna mai st. O frsi,

cma al br avuldi,

arivaren a pas pu nench sta nt.

 

 

I

 

U sabura: Ste fred

u sinsteca int agli s.

E tira e vent.

Int e caf

u i sra chi cvtar vec chi uga a l chrt

e chi bacaja frt.

Sta nt e giaza.

Dmatna al scol al cricar

sotal sl.

E zil cr.

E camen dla Tarona e fumar

int lria seca.

 

 

2

 

Su-s putes fsan cont de temp.

Cagli r strusidi a str a e mnd e basta,

e chi d pu-che-seja,

chu n si fa bria ment

su j e sl e sl nval

-riv a f sra

zenza scuson, cavs larloi

prema dands a lt.

E d chu j dal vlt

chu-s ten dri a un pasart,

a una foja chla-s mv apna apna,

a e segn dna mn,

a una bul dvent.,

a lria.

 

3

 

A poco a poco

Tutto finito.

E quando ormai non ci saranno

Pi questi alberi,

e queste case che dal sole prendono colore,

pi questo cielo,

allora non ci rester che chiudere la porta

e tirare il catenaccio , a tutto indifferenti.

 

 

 

5

 

Voi che siete stati come ora siamo noi

Voi che morite per sempre,

oltre il muro,

che in sogno

vi rivedete al caff

o quando eravamo insieme in piazza a chiacchierare;

quel poco che siamo riusciti a dirci

adesso qui sono solo io a ricordarlo.

Poi spetter a noi:

torneremo in mente

a qualcuno che ci ha conosciuto,

e sar un pensiero o un sogno

che si perde nellaria.

 

E quel che andato andato

 

 

 

I

 

Nellultima luce del giorno

Si intravede appena il confine

E al di l pi niente,

non una voce.

Loro sono l che aspettano.

Non litigano pi,

tentano di sorridere,

ora che non batte pi il cuore.

 

 

 

 

OLTRE LA NOTTE

 

Si fa buio completo.

Qui, dove nomi e case

sempre mutano luogo, faremo come

non fossimo mai esistiti. O forse,

brace sotto la cenere,

riusciremo a suparare ancora questa notte.

 

 

 

 

 I

 

Il tempo si rabbuia. Questo freddo

penetra nelle ossa.

Tira vento.

Al caff ci saranno

i soliti quattro vecchi che giocano a carte,

e il solito vociare.

Stanotte gela.

Domattina le pozzanghere cricchieranno

sotto le suole.

Il cielo chiaro.

Il camino della Tarona fumer

nellaria secca.

 

 

 

 

2

 

Si potesse non sprecare il tempo.

Quelle ore perdute a lasciarsi vivere,

e quei giorni senza data,

in cui non si fa caso

se nuvolo o se c il sole

- arrivare a sera

senza scosse, togliersi lorologio

prima di coricarsi.

E pensare che a volte

si fa attenzione a un passero,

a una foglia che simuove appena appena

al cenno di una mano,

a un alito di vento,

allaria.