image002

                                                           Nadiani 

 

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

 

Gianfranco Miro Gori

 

Collegamento a “Faloi

 

SÒRANÙM

 

I sgnéur i s céma ‘csè,

Filiberto Ricci par dòi

sénza sòranùm. Ma tè

i sòranùm i t s’ataca

cmè’ ‘l mignati.

I sgnéur i séia ‘csè,

sa dal gran fighi. Ma tè

u t toca tù so quèli

ch’u n vó niséun (acsè

t a n t buscaré l’aids).

I sgnéur ià ‘na pavéura

Ch’u l sa l’òs-cia:

ch’e’ vénga un arburtòun,

ch’iapa da pasè d là.

Tè t a t n infróigh.

E chi ch’u t zòirca,

u t po’ truvè te’ bar.

 

 

LA TU MÓRTA

 

Altradè,

stuglè sla tumèna,

t è campè la tu morta.

E’ tu gat,

šbandunè lè d schènt,

u n s né gnénca infat.

 

 

GNÉNT

 

Da pu ch’t ci naséu,

u t dà dri qualcósa.

Cór péu,

lènsa

dè e nòta

(sé ènca d nòta ti insógni),

séuda, fadóiga.

Bazóila. E róid.

E adès che tót rasaié

T ci ‘rivat in chèva,

t a t pu ènca vultè:

didrì t a n è gnént

mó gnénca davènti.

 

 

Te’ zil, ma tèra

 

Te’ pacéugh, tla porbia,

t cóich par lasè

e’ ségn dal pinèdi.

l’aqua la impinés

al scarvai, e’ vént

e’ ciócia al garnèli.

Al ròbi andèdi

agli è andèdi, quéli

ch’agli avnirà,

ancòura a n gn’è.

E tè t arvénz

instèch ti tu pi.

 

 

SOPRANNOMI...

 

I ricchi si chiamano così,

Filiberto Ricci per dire,

senza soprannome. A te

i soprannomi si attaccano

come le mignatte.

I ricchi girano così,

con delle belle donne. A te

ti tocca raccogliere quelle

che non vuole nessuno (così

non buscherai l’Aids)

I ricchi hanno una paura

Che la sa l’ostia:

che venga un ribaltone,

che debbano passare di là.

Tu te ne freghi.

E chi ti cerca,

ti può trovare nel bar.

 

 

 

 

 

LA TUA MORTE

 

Giorni fa,

disteso sul divano

hai vissuto la tua morte.

Il tuo gatto,

abbandonato lì di fianco

non se n’è nemmeno accorto.

 

 

 

NIENTE

 

Da quando sei nato,

ti insegue qualcosa.

Corri pure,

ansima, giorno e notte

(sì anche di notte nei sogni),

suda, fatica.

Preoccupati. E ridi,

ci sarà da ridere.

E adesso che tutto trafelato

Sei arrivato alla fine,

ti puoi anche girare:

dietro non hai niente

ma neanche davanti.

 

 

 

 

 

 

Nel fango, nella polvere,

spingi per lasciare

 il segno delle pedate.

L’acqua riempie

le fessure, il vento

risucchia i granelli.

Le cose andate

sono andate, quelle

che verranno

ancora non ci sono.

E tu rimani

infilato nei tuoi piedi.

 

 

Collegamento a “Faloi