image002

                                                                                               NADIANI

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

 

Francesco Gabellini

 

POCH  VIRD

 

U i è mièra d’an ad vol

ti schért dal rundanèine ch’li s dà drì.

Lôi che già e’ mèsa tla faldèda

dal bàle ad paia l’arcord de vird.

 

Isé tal sere ‘d lòuna tropa grosa

la s fa tèndra la vosa ch’la ragna

m’un chén ch’e’ baia tótt’la nòta

sènza truvé e’ curag mai ad invlinèl.

 

 

LA GITA

 

A’ sémm quéi che tal foto dal gite

se sfònd, a guardàmie pugéd ma la cana

ch’i pèsca da la palèda dri mizdè,

par fès travarsè de tèmp dal matèine.

 

A sémm al stanghe dal bandiere ch’a l guèrda

e’ mèr e li s gira t’un scòs

e u c pèr che un pensier e’ vòia travarsè,

mò u l lega un nud ch’l’è trop vèc.

 

Marinèr da tèra ch’i cnôss i nom

de pèss sal bènche de marchè, i spera

‘na burasca da dis per an e un nòmre

l’è un nom d’un bagnìn, de su ba, de su non.

 

Ch’u s ciaparà l’impègn da vnìs a ciarchì

te fond d’un casètt d’un palàz, t’na cità,

te sfònd d’na primavera già zcòrda,

a farémm e’ gir de mônd fèrme ch’pèr un pèl.

 

 

L’utma foia

 

O spitè cent’an te’ mez dla pianura

s’un arsùra che bé un bastava

desdé sot’un ébre purchésia

senza prèg e né difèt

che e’ pasàs cl’umèt biénch

che un om u n’è e un ang-le gnènca.

Cu m’insegnés la rèta via

tramèza sti santìr in tla burasca.

Pó l’ùtma fóia l’è casca

e mé sa lia.

 

 

 

POCO VERDE

 

Ci sono migliaia di anni di volo

negli scarti delle rondini che si inseguono.

Luglio che già nasconde nel ventre

delle balle di paglia il ricordo del verde.

 

Così nelle sere di luna troppo piena

si fa tenera la voce che grida

a un cane che abbaia tutta la notte,

senza trovare mai il coraggio di avvelenarlo.

 

 

 

 

 

LA  GITA

 

Siamo quelli che nelle foto delle gite

guardavamo sullo sfondo, appoggiati alla canna,

chi pesca dal molo verso mezzogiorno,

per farsi traversare dal tempo delle mattine.

 

Siamo le aste delle bandiere che guardano

il mare e d’un tratto si girano

e ci sembra che un pensiero voglia traversare,

ma lo lega un nodo che è troppo vecchio.

 

Marinai di terra che conoscono i nomi

del pesce sulle banchine del mercato, sperano

una burrasca da dirsi negli anni e un numero

è il nome di un bagnino, di suo padre, di suo nonno.

 

Chi vorrà mai prendersi l’impegno di venirci a cercare

nel fondo di un cassetto di un palazzo, in una città,

sullo sfondo di una primavera dimenticata

faremo il giro del mondo fermi come pali.

 

 

 

L’ultima foglia

 

Ho aspettato cent’anni in mezzo alla pianura

con una sete che bere non bastava

seduto sotto un albero qualsiasi

senza pregi né difetti

che passasse quell’ometto bianco

che un uomo non è e neppure un angelo.

Che mi indicasse la retta via

in mezzo a questi sentieri nella burrasca.

Poi l’ultima foglia è caduta

ed io con lei.