image002

Gianfranco Zavalloni

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

Annalisa Teodorani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

 

Fabio Molari

 

Rsa saibadga

 

Te soura la tsta un zil

cut lasa senza paroli.

Tlaqua dla poza

al ranoci al guerda.

Admen at avnir a zarcae,

at purtar dal moeli zneini

di fiour ad zinestra

e dal pireini ad rsa saibadga.

 

 

 

Cuc

 

Sssh! Zet stasma zet mas tra lerba

che nisoun e fza cuc... sssh!

 

Bla sta tra cla caenta

sla tu vousa, si tu pansir.

Bli stal mani e sti p schelz

chi viaza pre mond.

I occ i d gozli ad zil

treid, tam dei:

Dalonga, guardma dalonga!.

 

 

Incrous

 

Din s din z

par tot al straedi

la zenta la viaza.

E quand las trova tun incrous

la guerda ad qu

la guerda ad l

a p la v.

 

 

Tci mort


Tci mort
ta ni si pi
i ta za splei...
i pienz
i reid
ta n'areiv a capei qul chi spaciouga.
Tci turnae al
da du tci avnou...
Turnae duv?

 

 

Rosa selvatica

 

Hai sopra la testa un cielo

che ti lascia senza parole.

Nellacqua della pozza

le rane guardano.

Domani ti verr a cercare,

ti porter mele piccole

fiori di ginestra

e perine di rosa selvatica.

 

 

 

 

 

Cuc

 

Sssh! Zitti, stiamo zitti nascosti tra lerba

che nessuno faccia cuc... sssh!

 

Bella questa terra che canta

con la tua voce, coi tuoi pensieri.

Belle queste mani e questi piedi scalzi

che viaggiano per il mondo.

Gli occhi sono due gocce di cielo

sorridi, mi dici:

Lontano, guardiamo lontano!.

 

 

 

 

Incrocio

 

Su gi

per le strade

la gente viaggia.

E quando si trova in un incrocio

guarda di qua

guarda di l

e poi va.

 

 

 

Sei morto


Sei morto

non ci sei pi

ti han gi sepolto...

piangono

ridono

non riesci a capire cosa pasticciano.

Sei tornato l

da dove sei venuto...

Sei tornato dove?