image002

 Nadiani

 

Giuseppe Bellosi

Paolo Borghi

Gianni Fucci

Francesco Gabellini

Guido Lucchini

Leo Maltoni

Gianfranco Miro Gori

Fabio Molari

Giovanni Nadiani

Sante Pedrelli

Nevio Spadoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla home page di Argaza

Annalisa Teodorani

 

Ludur de sbdi

 

A n larcrd

ludur de sbdi scapnd da scla

arcrd sn cha sra lizra

e laria datunda

lra ttta da boi.

 

 

Setmbri

 

nca un zi

e cmnza a f mbra

 

 

Du an

 

Al mni a l vuntva di giarl

te vil sun vstidn a pois.

Lra la vita dun pasart che zga

suna smnta, un fiur...

Pu l tch a piv

la cativa stasun la s ingul.

A i cm unmbra tun cantun dun c

u n gn gnnt in fnd a e curidur

per u m tcca smpra guard.

 

 

E maln dla nta

 

e maln dla nta e sta

te fnd duna cuncha svita

l do chu s raci e mr

che ta ne vid mo ta l s chu i

e ta l sint quant e cambia e vnt.

 

 

I zchurs dla znta

 

Dal vlti a m mtt ma la finstra

e a stag da sinti i zchurs dla znta:

da spss i acs strach

che la s putrbb sparagn

la fadiga darvoi la bcca.

Mo se la zcrr in dialtt

alura i zchurs i arcipa vigur,

nca al patachdi,

e u m vn via dand ad citta

a di la mi.

Lodore del sabato

 

Non ricordo

lodore del sabato uscendo da scuola

ricordo soltanto che ero leggera

e laria attorno

era tutta da bere.

 

 

Settembre

 

Anche un ciglio

comincia a fare ombra.

 

 

 

Due anni

 

 Le mani tracimavano di sassolini

nel viale con un vestitino a pois

Era la vita di un passerotto che gioca

con una semenza, un fiore...

Poi ha cominciato a piovere

la cattiva stagione ci ha ingoiati.

Ho come unombra nellangolo di un occhio

non c nulla in fondo al corridoio

per devo sempre guardare.

 

 

 

Il rumore della notte

 

Il rumore della notte sta

nel fondo di una conchiglia vuota

l dove si raccoglie il mare

che non vedi ma sai che c

e lo senti quando cambia il vento.

 

 

 

I discorsi della gente

 

A volte mi metto alla finestra

e sto a sentire i discorsi della gente:

spesso sono cos stanchi

che si potrebbe risparmiare

la fatica di aprire la bocca.

Ma se parlano in dialetto

allora i discorsi prendono vigore,

anche le sciocchezze,

e mi viene voglia di scendere in strada

a dire la mia