sassi.JPG

 

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Nevio Semprini

Albino 'd Sintinl

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

Tonina Facciani

 

I sss.

 

I sss, par dl ma qu ch i n gni gurda gnnca,

m invci a m afezin.

A i ci s da par tra,

a m i mtt int la mna, a i gurd pr un pz.

Chi pi bln a m i mtt int la brsa;

chi znn nca t e prta-fi tra i bajcc spcc.

Ch i dgga p ch a s eagerta, che sono esagerata.

 

Ma cheidn a i scrv a sra e mi nm,

a i fcc di diignn: una farfla, una margherta.

A m i tggn sra e cumudn,

sra e mbli dla sla:

gni tnt a i btt l chj

e u m vn davnti prac prac

e mumnt dvv a sra qunt a i clt s.

Insmma ttt stal ci che qu,

ch l fadga a spieghli, di un sns,

parch a n e s gnnca m parch ch a li fcc...

Li n-n nisn valr, m m a li fcc!

 

Dal vlti a s indica:

a i gurd, m i trp grnd.

Alra a i pns;

a i lss a l a sparabcc

par qu ch i psa dpp ad m.

Cm qu, in sta spigia ad sss,

che qu dr l qua i s bgna, i cnbia culr,

i dvnta pi lsstri, i ancra pi bll.

Parch a l savr nca vujlt

ch u i al spigi ad sbia e quli ad sss,

ch agl pi scmdi da camin a sra schlz,

m tu v mtt una spigia ad sasn, ad sassolini,

ed na ad sbia, ttta praca,

garnla par garnla,

ch la s infla daparttt ch l un castg:

tra e sugamn, int e custm,

t e fnd dla brsa, t e tp dla crma,

stta i cusn d e divno, t e tapt,

int e pit dla dccia, tra i lanzl...

E invci pr i sss, tu l dicd t:

mga i t s atca dr!

Oh Do, u p capit

ch u n fnssa par ch n in chic bg;

un ghjarl int una schrpa par enpi.

In ste ch u t tcca cavl, u t d fastghji.

M de rst i sss i st l dvv i ,

i n s intrumtt: i s f i ftt s.

I n sprca, i n-n dan.

nca qunt tu lgg int e giurnl:

Sassi dal cavalcavia, muore una coppia.

M i n-n mga cipa lr,

i n-n mga dic lr ad buts da e cavalcava,

non hanno mica deciso di loro volont.

Cm qunt u s nan stca n grs da la rva

e in che mntri par la strda u psa un mutr.

Muore ciclomotorista investito da un sasso,

cmm ch l pa dic l, e ss.

L una digrzia: al digrzji agl snpri suti.

M qust l di lt discrs,

mi a n ndi tnt a raz.

 

U i n ch i d che i sss i di sss e bsta;

da znn invci ad dc

ch a sna di zucn i c gva:

T la tsta dra cm un ss!.

D acrd, i sss i dr,

m alra parch i s f stma

ad mtt i sss int e giardn per ornare le aiuole?

gni tnt in crga n int e ball dla mchina,

i i rbba chis da dvv.

Alra i i pi nca ma lr i sss!

Mu m i m pi prpia parch i n si d l ria

ad sav raun.

Mu m ttt qu chi rana i m stff!

I sss mu m i m pis nca s i n d gnnt;

nzi i m pi parch i st ztt,

i n ti dmnda gnnt, tu f e tu cmdi.

Tu i mnt a sra s i p: ch i dgga ahi,

tu i mtt in fla, tu i cnt, tu n f una mcchja,

tu gig a pistri, tu f dal cani, tu i tr a prglia,

tu i lnc par avd cmm tu tr da lng.

S tu dicd ad purttji a cha l i t,

m nca l, dpp che tu i ma cha,

i n ti dmnda gnnt,

u n-n ch i pa fma,

i n s lamnta gnnca d un p ad prrbia sra.

Cmm u s d: Sono cose inanimate, i sassi.

E chi se ne frega se sono cose inanimate?

 

A cha a n mi prt mga ttt.

Chi ch a fcc: a m i chrg int la schna?

Chi ch a s, mta?

Sl cheidn, qu dla grandzza...

ch i p st int una mna.

Chi grnd, al ptri, i pitrn, sa qu, i pitrn,

a c divartna a ruli gi ma la rva.

A ciarchna chi tnd,

ch i dva la rlla mi,

a i dna la spnta;

dpp un p i chjapva la fga:

tun tun tun tututututu-tumm.

I pasva a lagi ad crsa,

i s tirva dr di lt sss

ch i scalzva da la rva

e va ttt insm, un fm ad tra msa,

di schjcc sra i spn, i stuglva una ginstra,

i scavidva una rusla,

dal vlti u parva ch i s firmss,

e p i glia fva a rchjap la crsa,

fn ch i n-n arivva in fnd,

t e fs o t la mchja,

e tu n-n avdva pi gnnt.

Finito, finito il gioco.

 

I rd qunt a prv a spieghm,

che mu m i m pr bln parch dal vlti

i s sarmjja m un v ad picin,

dal vlti m un v d ul qunt l tichjt,

m un cunftt, m un fal, m un butn,

m un cr;

n prpia m un cr da ft da ft:

u s sarmjja.

 

M adsa t tu m v d

che un ss u n-n nisn valr.

A prta ch i f nca al chi s i sss: sasso a vista;

e i inghjra al strdi s i sss ad fim.

Che valr l un ss?

Tu m e dmnd mu m?

M m a n ti rispnd:

chi ch a t rispnd a f ch,

che tnt tu m t in gr...

 

Tu n e v par rigl un ss?

Tu vrbb ch a t rigalss un giujl,

un arlgg ad r, una pelccia ad vin,

una brsa ad cucudrll,

una vala ad Louis Vuitton?

Tu n e v e mi ss ch a t prt prpia par t,

pansnd ma t?

Alra a m e tggn par m e a n e dgg ma nisn.

 

A l mtt insm sa chi lt,

acs i s tn cumpagna,

e zitti.

 

I sassi.

 

I sassi, per dirlo a quelli che non li guardano nemmeno,

io invece mi affeziono.

Li raccolgo su da terra mentre cammino,

me li metto nella mano e li guardo per un pezzo.

Quelli pi bellini li metto in borsa;

quelli piccoli anche nel portafogli insieme ai soldi spicci.

Che dicano pure che sono esagerata.

 

A qualcuno scrivo sopra il mio nome,

gli faccio dei disegnino: una farfalla, una margherita.

Me li tengo sopra il comodino,

sopra il mobile della sala:

ogni tanto butto locchio

e mi viene davanti precisamente

la circostanza in cui mi trovavo quando li ho raccolti.

Insomma tutte queste cose,

che fatica spiegare, dar loro un senso,

perch non lo so nemmeno io perch le faccio

Non hanno nessun valore, ma io le faccio!

 

A volte sono indecisa:

li guardo, ma sono troppo grandi.

Allora li poso;

li lascio li in bellavista

per quelli che passano dopo di me,

nel caso che interessino

Come qui in questa spiaggia di sassi,

dove quelli vicino allacqua si bagnano, cambiano colore,

diventano pi lucidi, e sono ancora pi belli.

Perch lo saprete pure voi

che ci sono le spiagge di sabbia e quelle di sasso,

che sono pi scomode da camminarci sopra scalzi,

ma vuoi mettere una spiaggia di sassolini,

ed una di sabbia, tutta uguale,

granello per granello,

che sinfila dappertutto che un castigo:

in mezzo allasciugamano, nel costume,

nel fondo della borsa, nel tappo della crema,

sotto i cuscini del divano, nel tappeto,

nel piatto della doccia, tra le lenzuola

E invece per i sassi, lo decidi tu:

mica ti si attaccano dietro!

Oh Dio, pu capitare

che ne finisca per caso uno in qualche buco;

un sassolino in una scarpa per esempio.

In questo caso ti tocca levarlo, ti d fastidio.

Ma del resto i sassi restano dove sono,

non sintromettono: si fanno i fatti loro.

Non sporcano, non sono dannosi.

Anche quando leggi nel giornale:

Sassi dal cavalcavia, muore una coppia.

Ma non ne hanno mica colpa loro,

non hanno mica deciso loro di buttarsi dal cavalcavia,

non hanno deciso di loro volont.

Come quando se ne stacca un grosso dalla ripa

e in quel mentre per la strada passa un motore.

Muore ciclomotorista investito da un sasso,

come se avesse deciso lui, il sasso!

Si tratta di una disgrazia: le disgrazie sono sempre esistite.

Ma questi sono altri discorsi.

Meglio non andare tanto a frugare.

 

Alcuni dicono che i sassi sono sassi e basta;

da piccoli anzich dirci

che eravamo degli zucconi ci dicevano:

Hai la testa dura come una sasso!.

Daccordo, i sassi sono duri,

ma allora perch si stimano

a mettere i sassi nel giardino per ornare le aiuole?

Ogni tanto ne caricano uno nel baule dellauto,

li rubano chiss da dove.

Allora piacciono pure a loro i sassi!

A me piacciono proprio perch non si danno laria

di saper ragionare.

A me tutti quelli che ragionano mi hanno stancato!

A me i sassi piacciono anche se non dicono nulla;

anzi mi piacciono perch stanno zitti,

non ti chiedono nulla, fai il tuo comodo.

Ci Sali sopra con i piedi: che dicano ahi,

li metti in fila, li conti, ne fai un mucchio,

giochi a piastre, fai delle casine, li lanci per aria,

li lanci nel vuoto per vedere come tiri lontano.

Se decidi di portarli a casa sono tuoi,

ma anche in questo caso, dopo che li hai in casa,

non ti chiedono nulla,

non che abbiano fame,

non si lamentano nemmeno di un po di polvere sopra. Come si dice: Sono cose inanimate, i sassi.

E chi se ne frega se sono cose inanimate?

 

 

A casa non me li porto mica tutti.

Cosa faccio: me li carico sulla schiena?

Cosa sono, matta?

Solo qualcuno, quelli della grandezza

che possono stare in una mano.

Quelli grandi, le pietre, i pietroni, con quelli, i pietroni,

ci divertivamo a rullarli gi per la ripa.

Cercavamo quelli rotondi, che rullavano meglio,

e gli davamo la spinta;

dopo un po prendevano la fuga:

tun tun tun tututututu tumm.

Passavano laggi di corsa,

si trascinavano dietro altri sassi

che scalzavano dalla riva

e via tutti insieme, un fumo di terra mossa,

di schiocchi sui ginepri, sdraiavano una ginestra,

evitavano un alberello,

a volte sembrava che si fermassero,

e poi riuscivano a riprendere la corsa,

finch non arrivavano in fondo,

nel fosso o nella macchia,

e non vedevi pi nulla.

Finito, finito il gioco.

 

 

Ridono quando cerco di spiegarmi,

che a me sembrano belli perch a volte

assomigliano ad un uovo di piccione,

a volte ad un uovo di uccello quando picchiettato,

ad un confetto, ad un fagiolo, ad un bottone, ad un cuore,

non proprio ad un cuore preciso preciso:

ma dai gli assomiglia!

 

 

Ma ora vuoi dirmi

che i sassi non hanno nessun valore.

A parte che fanno anche le case con i sassi: sasso a vista,

e inghiaino le strade con i sassi di fiume.

Che valore ha un sasso?

Lo chiedi a me?

Ma io non ti rispondo:

cosa ti rispondo a fare, che tanto mi prendi in giro

 

 

Non lo vuoi per regalo un sasso?

Vorresti che ti regalassi un girello,

un orologio doro, una pelliccia di visone,

una borsa di coccodrillo,

una valigia di Louis Vuitton?

Non lo vuoi il sasso che ho portato proprio a te,

pensando a te?

Allora lo tengo per me, e non lo do a nessuno.

 

Lo metto insieme agli altri,

cos si tengono compagnia,

e zitti.