spaventapasseri[1].JPG

 

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino 'd Sintinël

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

 

Nevio Semprini

 

E' cafè

 

La cotma se gas

ch'la šbarbotla e la sofia

e la spargoja l'udor par la cušoina

te scur dla matoina prest.

 

Li la-t vin incontra sa cla vesta

ch'la j'è e la-n gn'è

si ucc gonfi dla nota

e se ben ch'la-t vo,

la t'abraza strett

isè strett ch'u-n t'importa

che e' cafè e' vonta

e' vonta tott.

 

'Ta zet

 

Vè, vè

u j'è enca l'Edoarda

e quela l'è la su fiola?

Pu bela… E quel?

L'è spuded me mi fradel

ch'i sea i su anvoud?

Mo… a n'i cnos miga.

E la Carmela…

ciò, la è dventa brota.

Da žovna la-m pareva la Sofia Loren.

Ferma… manda indroi

chi cla è ža li…

sa chi occ cier?

E pure chi oc a i cnoss…

u-n-s po’ voida piò da press?

 

Os-cia i fiur ch'u jera:

l'altèra e' per e' palco d'San Remo.

E' tu vistoid,

se… u-m pieš… u n'è biench…

te però t'ci propi una bela spousa.

 

Quest l'è l'apartament

do t'ci andeda a stè?

Ch'avem compri si suld dla tera?

T'ani modi…

chi cl'la lavureva piò, ormai.

Però t'a-l putivi to piò da presa.

Imanch la mobelia

a l'avì pagheda vujelt, no?

Ah… avì fat dal rati…

Se, se…a capes

Vi aiutate sla mi pensioun.

No, no… e' va pu ben

t'ani modi me, ormai…

 

T'putres artornè 'te proim?

A voi voida quand t'ci scapa da què

che t'a m'è det: -Te nonno fai fatica

a venire, con quelle gambe,

capisci no?-

 

A capes magari!

'Ta zet ch'a m'avì fat voida e' filmino…

 

Spaventagazot

 

U n'è pr'i bragalun lirgh

e la camisa s-centa,

U n'è pr'e' soul int la testa

o cal quatri gozli d'acqua

ch'al s'asuga t'un baloin.

U n'è per stè inciuded

ma sta crousa ad legn

senza niseun ch'u-m proiga.

L'è che

dop ch'i è pass a med e' gren

i gazot

ch'i-m feva cumpagnì j'è andé vi tot

 

Zvola

 

Drointa la zvola

u j'è la zvola

e sota cla zvola

dl'elta zvola.

 

Piò t'a la spoi

piò t'pienž

e piò li l'arvenza

zola.

 

La boza

la-n counta! 

 

Il caffe.

 

La cuccuma sul gas

che borbotta e soffia

e sparge l'odore per la cucina

nello scuro della mattina presto.

 

Lei ti viene incontro con quella veste

che c'è e non c'è

con gli occhi gonfi della notte

e del bene che ti vuole,

t'abbraccia stretto

così stretto che non t'importa

che il caffè esce\ esce tutto.

 

 

 

 

 

 

Sta zitto

 

Ve', ve'.

C'è anche l'Edoarda

e quella è sua figlia?

Bella però… E quelli

che siano i suoi nipoti?

Ma… non li conosco mica.

E la Carmela…

Boh, è diventata brutta,

da giovane mi pareva Sofia Loren.

Ferma… manda indietro

chi è lei, già…

con quegli occhi chiari?

Eppure quegli occhi li conosco…

non si può vedere più da vicino?

 

Acciderba i fiori che c'erano:

l'altare sembra il palco di San Remo.

Il tuo abito, si… mi piace… non è bianco…

tu però sei proprio una bella sposa.

 

Questo è l'appartamento dove sei andata a stare?

Che abbiamo comperato coi soldi della terra?

Ad ogni modo…

chi la lavorava più, ormai.

Però lo potevi comperare più vicino.

Almeno i mobili

li avete pagati voi, no?

Ah… avete fatto delle rate

Si, si… capisco

vi aiutate con la mia pensione.

No, no… va pur bene

in ogni modo io, ormai…

 

Potresti tornare all'inizio?

Voglio vedere quando sei andata via da qui

che m'hai detto: -Tu nonno fai fatica

a venire, con quelle gambe,

capisci no?-

 

Capisco magari!

Taci che m'avete fatto vedere il filmino…

 

 

 

 

 

Spaventapasseri.

 

Non è per le braghe larghe

e la camicia stracciata.

Non è per il sole sulla testa

o quelle quattro gocce d'acqua

che s'asciugano in un baleno.

Non è per stare inchiodato

a 'sta croce di legno

senza nessuno che mi preghi.

È che

dopo che sono passati a mietere il grano

i passerrotti

che mi facevano compagnia se ne sono andati tutti.

 

 

 

Cipolla.

 

dentro la cipolla

c'è la cipolla

e sotto quella cipolla

altra cipolla.

 

 Più la spogli

più piangi

e più lei rimane

cipolla.

 

La buccia

non conta.