surela.jpg 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino 'd Sintinël

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

Maurizio Livio Gasperoni

“Dù suld al furmai”.

 

Dù suld  ad furmai la ten poch post,

un po’ ad ministroun,

do scuciarèdi ad réis.

 

Ormai u jé armast ad che la tèsta,

e t’an sé mai quèl c’la jepa ad dràinta,

quel ch’la s’apinsa.

 

Sa chi gambarél,

ta la véi s’la garnèda tàl méni,

e tott t’un mumàint la’n gn’é piò.

 

Mò dù sarala?

 

Po’, pràima che faza scour

t’vei chi du ucioun spartéi chi réid:

“ciao Livio”.

Du suld ad furmai la è d’let a qué.

 

La préiga un po’,

la sfà un po’ ad miso* t’e’ ministroun,

la’m fa boca da réid

intent ch’la magna,

e t’un sbress t’an la vì piò.

 

Mo dù sarala?

Dù suld ad furmaj..

La mi surèla.

 

L’usèl

 

Dino ad Bicigoun l’à sèmpra dét:

 

“féna a vaint an t’cì un burdèl,

dai vaint ai trénta t’à n’é la tésta,

dop i quarènta e’ cmeinza a calè,

a zinquènta un và piò…!

 

 u t’armasta chi dis an

fra i trénta e i quarènta”.

 

Mé, quant ì m’è dmanda,

a degh ch’a n’ò quarèntanov.

 

Mò l’è un pèz ch’al dégh…

 

Ménga

 

L’à ravié a piov

zo mé viél di Platani.

Ho fat un zéir da la Cagnouna

féna a Burdouncia,

e ho pirulè un pèzz pr’Igea,

sl’aradio t’agli uréci.

 

Avrebb chèra d’incuntrèt, Menga,

d’avdai ad faza t’à jè adess,

dop a tènt témp.

 

Chisà se adèss t’am guardaress

ancoura acsé,

ad spuntoun.

 

Masé  trà i cavell,

i tu occ im piaséiva,

mò a’n’um j’arcord piò, bén.

 

A’ m’arcord cum t’faséivti a réid,

e am mòr da la curiosità

ad santei sé t’fè ancoura acsé.

 

Mò do ch’t’àt bòtt tòt i sabat Ménga?

Un pasa stména

ch’an vegna zò mè Port

pr’avdai s’a s’imbatemm òun int cl’élt.

 

Adess è zeja e ui dà piò fort ancoura

e la zénta j’à smessa ad ziré,

un pasa piò niséun.

 

Zo ma la tu stréda ho vést i munifést

de tu ba, Menga,

Pitadòin lè un an ch’us s’n’é andè.

 

Um feva sudiziòun Pitadòin,

quanrent’an fa,

adéss ch’a n’avrebb piò sudiozun…

 

t’a n’i si piò zo m’e’ Port,

mo duò cì andeda a finei?

T’ciaré guenta nòna, Menga.

 

L’à smess ad piov,

j’à tàch a zirè d’élt,

ch’e’ sipa la volta bona?

 

Mò dù sarala la Mènga?

Pu i dis che e’ mònd l’è znin..

 

*miso> consommè sostitutivo del dado, ottenuto dalla fermentazione dei semi di soja, utilizzato per insaporire in maniera naturale minestre di verdura ed altre pietanze.

 

 

Due soldi di cacio

 

Due soldi di cacio tiene poco posto,

un po’ di minestrone,

due cucchiaiate di riso.

 

Ormai c’è rimasta solo la testa,

e comunque non sai mai cosa c’abbia dentro,

cosa pensi.

 

Con quelle gambe magre

la vedi con la scopa in mano

e il momento dopo non c’è più.

 

Ma dove sarà?

 

Poi prima che faccia buio

vedi quei due occhioni spalancati che ridono

“ciao Livio”.

Due soldi di cacio è di nuovo qui.

 

Prega un po’,

disfa un po’ di miso* nel minestrone,

mi sorride

mentre mangia,

e in un momento non la vedi più.

 

Ma dove sarà?

Due soldi di cacio.

Mia sorella.

 

 

 

L’uccello.

 

Dino di Bicigòun ha sempre detto:

 

” fino a vent’anni sei un bambino,

 dai venti ai trenta non hai la testa,

dopo i quaranta comincia a calare,

 a cinquanta non va più.

 

Ti rimangono quei dieci anni

fra i trenta e i quaranta”.

 

Io, quando me lo chiedono,

dico che ne ho quarantanove.

 

Ma è un pezzo che lo dico…).

 

 

 

Ménga.

 

Ha iniziato a piovere

giu per il viale dei Platani.

Ho fatto un giro, dalla Cagnona

fino a Bordonchio,

e ho gironzolato un po’ per Igea,

con la radio nelle orecchie.

 

Mi piacerebbe incontrarti Ménga,

di vedere che faccia hai adesso,

dopo tanto tempo.

 

Chissà se mi guarderesti

ancora così

di sbieco.

 

Sguardo nascosto fra i capelli,

i tuoi occhi mi piacevano,

ma non li ricordo così bene.

 

Ricordo come facevi a ridere,

e muoio dalla curiosità

di sentire se fai ancora così.

 

Ma dov’è che vai tutti i sabati Ménga?

Non passa settimana

che non venga giu al porto,

per vedere se ti incontro.

 

Adesso sono lampi ancora più forti,

la gente ha smesso di girare

e non passa più nessuno.

 

Giù pe la tua strada ho visto i manifesti

a lutto di tuo padre,

che è un anno che è morto,

 

mi faceva soggezione

quarant’ann fa,

adesso che non avrei più soggezione…

 

non ci sei più giu al porto.

Ma dove sei finita?

Sarai diventata nonna.

 

Ha smesso di piovere,

hanno iniziato a girare ancora,

che sia la volta buona?

 

Ma dove sarà la Ménga?

E poi dicono che il mondo è piccolo.