image003.jpg 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino 'd Sintinël

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

Maurizio Grilli

i purtun    (per andrea) 

 

Nota ad nebia

in te camsant nov ad Frampul.

 

L’amigh u-m ciama

me a-n vegh nint.

Mo al so ch’ l’č la prema strč

in chčv a e’ viel di cipres

ch’la porta in du ch’ l’č lo.

E’ purton l’era ža ciuš.

Da burdel i purton ciuš

ai cavalema

par andč’ a bei

da e’ puzet dl’aquedot

tot sudei d’isteda

e d’inveran

dop e’ žugh de palon.

 

I dč i pasa, al smani, i miš,

mo sa countal,

par me l’č sempar jir.

Sa countal

se cun e’ temp

i mi cavel i dvintrŕ griš.

 

A-t so armast dri

un pez cla sera

davanti a la crouša

cun la tu futugrafě.

La nebia la s’arpunseva

la bagneva gna cvel.

O forsi l’era e’ zil

ch’ e’ pianževa.

 

I purett i rid

 

A paseva in bicicleta a Cišena

par andč da un amigh

d'indu ch’avness

propri a-n m’arcord

e pasend da cant a e' fioum

a vegh una panca ch'la-m ciama

a lč, sora al su quatar gambi

curti cum’un basot.

Mo me a-n m'aferum,

l’amigh l’aspeta e pu

a vegh ch’la-m ciama nench quela

dop e quela dop incoura.

A-m žir e a vegh ch'al fa segn

toti insen ch’a m'afirma

ch’a-m meta isdei

ch'al m’ŕ da scorar.

Aloura a žir la bicicleta,

quatr’oman dri e' pount

chi n’u-m pijs brisal.

S’el ste cvel ch'u-m ciapa

a que int e' rivel de fioum,

el tristeza par i meil de mond

o depresioun, mi persuneala.

A-m guerd indentra

a stagh d’ascoult.

 

Chi sa in cvint i s’era mes

isdei a cve prema a rašunč

cun cla curenta cla pasa de e nota

par tott praciša.

L’č un pez ch'la-l diš a tot cvi

ch'i pasa: farmiv, farmiv ženta

i-v sta rubend da sota a e' neš

la vita. A st’ora dla sera

l’ha tot e' stes culour.

L’ušignol l’č strach e indurment

int e' su nid, che ad cantč

u n’č incor’oura e i elbar

cun i su curp grend e vird,

mo che ades i pč nigar

i fa l’amour cun e' zil,

cun e' pount e cun chjit

ad cleta perta.

La curenta la scor incoura:

- l’č oura ch'a fašiva una rivoluzioun,

una rivoluzioun in peaša!

Senza di cvel a incioun,

fašend count ad gnijnt

šmitila ad cumprč tot che vlen,

toti cal cianfrušai,

tota la roba inotila,

che chi’ Euro i n’č i vostar,

i vj'ŕ  dei i leidar d’inců

in cambi de vost temp

che pu l’č la vosta vita.

Forsi aloura e parŕ ch'a siva

piň purett, mo u n’č vera,

parchč a sarě sč purett,

mo purett ch'i rid incoura.

 

Vai a Sburoun

 

I portoni   (per andrea)

 

Notte di nebbia

nel cimitero nuovo di Forlimpopoli.

 

L'amico mi chiama

io non vedo niente.

Ma lo so che č la prima strada

in fondo al viale dei cipressi

che porta dov'č lui.

Il portone era giŕ chiuso.

Da bambini i portoni chiusi

li scavalcavamo

per andare a bere

dal pozzetto dell'acquedotto

tutti sudati d'estate

e d'inverno

dopo il gioco a calcio.

 

I giorni passano, le settimane, i mesi,

ma cosa importa,

per me č sempre ieri.

Cosa importa

se con il tempo

i miei capelli diventeranno grigi.

 

Ti sono rimasto vicino

un pezzo quella sera

davanti alla croce

con la tua fotografia.

La nebbia si riposava

bagnava ogni cosa.

O forse era il cielo

che piangeva.

 

 

 

I poveretti ridono

 

Passavo in bicicletta da Cesena

per andare da un amico.

Da dove venissi

proprio non lo ricordo

e passando di fianco al fiume

vedo una panca che mi chiama

lě, sopra le sue quattro gambe

corte come quelle di un bassotto.

Ma io non mi fermo,

l'amico aspetta e poi

vedo che mi chiama anche quella

dopo e quella dopo ancora.

Mi giro e vedo che fanno segno

tutte insieme che mi fermi

che mi metta seduto

che mi devono parlare.

Allora giro la bicicletta,

quattro uomini vicino al ponte

che non mi piacciono per niente.

Cos'č questa cosa che mi prende

qui sulla riva del fiume,

č tristezza per i mali del mondo

o depressione, mia personale.

Mi guardo dentro

sto ad ascoltare.

 

 

Chissŕ in quanti si erano messi

seduti qui prima a ragionare

con quella corrente che passa giorno e notte

per tutti uguale.

Č un pezzo che lo dice a tutti quelli

che passano: fermatevi, fermatevi gente

vi stanno rubando da sotto al naso

la vita. A quest'ora della sera

ha tutto lo stesso colore.

L'usignolo č stanco e addormentato

nel suo nido, che di cantare

non č ancora ora e gli alberi

con i loro corpi grandi e verdi,

ma che adesso sembrano neri

fanno all'amore con il cielo,

con il ponte e con gli altri

dall'altra parte.

La corrente parla ancora:

- Č ora che facciate una rivoluzione,

una rivoluzione in pace!

Senza dire niente a nessuno,

facendo finta di niente

smettetela di comprare tutto quel veleno,

tutte quelle cianfrusaglie,

tutta quella roba inutile,

che quegli Euro non sono i vostri,

ve li hanno dati i ladri di oggi

in cambio del vostro tempo

che poi č la vostra vita.

Forse allora sembrerŕ che siate

piů poveri, ma non č vero,

perché sarete sě poveretti,

ma poveretti che ridono ancora.

 

 

Vai a Sburoun