Marco Grilli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image003.jpg

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino d Sintinl

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

E PONT

 

A b, a l un tuchet chi l bot o,

a j fd chi seja set ott n,

i lavva mes so i canadi par sfundre front,

lra un Beilei.

Quend che pasva al macchin

e fava un caen,

cun tot cagls dlegn mi stachi,

aglarsunva infena a gli Amunit

chu j pi ad du chilomit!

Mo lra e fion che fava da casa drisunenza

Tr tr tr tr tr tr tr tr tr

I dgva chu s sintes pi frt da lunten

che n daven

ch e p un cotrasens mo e p nench ds parch

e pont lra pi bas djrin duna cipa dmtar

lra cma incastun in cla muntegna ad tra

scariulda cun tenta fadiga,

e cla muraja a pinsi ben,

la putva nench farm clarmr srd.

Nench se... b? Me a crid pi che tar

che j aves fat labitudina

e pu unra fastidi, n, nench parch

l vra che dnt larbumbva,

mo in fond cagls al fava larmr dla libart.

 

E quend chi l bot o,

aven irat un cino,

bl,

a i sva ne ca me dri la machina da pra,

aiutoregista!

Aven iscen tre quatar situazion difarenti

stravulend la prta interpretda da e pont;

a laven fat gvint na sla da bal,

e pu un cino, e pu un cunzrt.

E j partecip tot, tot e pa!

Parch u jra dlafezion, dlafezion vra.

L st un degno commiato

par che pont che parva la Tor Eifel

dVillanva dBagnacaval.

 

Int e frattemp, stnta mtar pi aventi

i custruva e nv,

ad ziment, sfalt, pi lt, apugi sra a j rin,

nench pi lrgh, figurat, do cursei,

int e vc u i pasva sl una machina a la vlta!

Sl che I l fat strt una masa,

quend che tven da Santran,

par imbuchl u t toca ad f un prilon,

no, u s fa eh, basta and pian, par ci

A n capes parch chi-n lpa fat un p pi dret,

o sin cun nimbucadura pi lrga, to!

Javra avu i su bon mutiv sicurament,

frsi par na quiscion ad sicureza.

Par u je dal vlt che... cun che gardreil,

vhui, u n s vd gnint!

Su j una machina cla travrsa,

ta la vid sl a lultum sgnd,

par, gnint da d, l st sicurament un pas aventi.

 

Che nench a me u m piareb dsar un pont

da bon, a i pens spes a sta metafora,

magari quend cha j fni un spetacul,

e e ven un qualcadon a fm di cumpliment,

e a me I m p sincri,

alra a m fgh grnd, lngh,

u m salnga al gmb,

e u m p chal vga a fni sottacva,

a piants int e sabion dla Rumgna,

e u m salnga al braz,

chu m p d tuch tot do al spnd,

e tu par mn la vcia generazion da na prt,

e la nva da cltra

mo dla a in vegh puch, mo puch ins e sri,

e p squi chu ni seja anson!

 

Parch e p

mo a n s miga pi un burdl gninca me.

Mi m la m fat sn cmun pes,

frt cma la rcia, e bl cm e sl,

chu m l det mi nna,

e nenca me a i met de mi,

parch am trt cun tot i rigvrd,

par a j a bl e che pas i quarenta,

e l ra cha cmenza a guardm indri nenca me.

 

E ormai al ps di cun sicureza,

me a m sent a ml in ste dialet,

nench sa s che la mi acva

l un p pi torbda che la vstra,

e nench su m p davd

cla seia un p pi in seca,

a v voi dirun qul:

me ads a m pint aqu, stra stal d spnd,

e a v tegn ben stret, frt, sald,

che a nu-v voi prdar,

e int e fratemp a m pruv dtn stret

nench da cltra prt,

pravd slavnes una pungla nva,

sora clarin chu m p chu saluntena,

e nench slavnes la fiumena

pi granda de mnd,

a ve prumet, me a nu m muv pi.

 

 

IL PONTE

 

A be, e gia un po che lhanno buttato giu,

credo che siano sette otto anni,

lavevano costruito I canadesi per sfondare il fronte,

era un Bailey.

Quando passavano le auto

faceva un gran rumore,

con tutte quelle assi di legno mezze staccate,

risuonavano fino alle Ammonite

che dista piu di due chilometri!

Ma era il fiume che faceva da cassa di risonanza

Tr tr tr tr tr tr tr tr tr

Dicevano che si sentisse piu forte da lontano

che non da vicino

che pare un controsenso ma puo anche darsi perche

il ponte era piu basso degli argini di un paio di metri

era come incastonato in quella montagna di terra

scarriolata con tanta fatica,

e quella muraglia a pensarci bene,

poteva anche fermare quel rumore sordo.

Anche se... bo? Io credo piu che altro

che ci avessero fatto labitudine

e poi non era fastidioso, no, perche

e vero che di notte rimbombava,

ma in fondo quelle assi facevano il rumore della liberta.

 

E quando lhanno abbattuto

abbiamo girato un film,

bello,

cero anche io dietro la macchina da presa,

aiutoregista!

Abbiamo inscenato tre quattro situazioni differenti

stravolgendo il ruolo del ponte;

labbiamo fatto diventare una sala da ballo,

e poi un cinema, e poi un concerto.

Ed hanno partecipato tutti, tutto il paese!

Cera dellaffezione, dellaffezione vera.

E stato un degno commiato

per quel ponte che pareva la Torre Eiffel

di Villanova di Bagnacavallo

 

Nel frattempo, settanta metri piu avanti

costruivano quello nuovo,

di cemento, asfaltato, piu alto, appoggiato sugli argini,

anche piu largo, figurati, due corsie,

nel vecchio ci passava solo unauto alla volta!

Solo che lhanno fatto molto storto,

Quando arrivi da Santerno,

per imboccarlo ti tocca fare una curva secca,

no, ci si riesce, basta andare piano, pero

Non capisco perche non labbiano fatto un po piu dritto,

oppure con una imboccatura piu larga!

Avranno avuto I loro buoni motivi sicuramente,

forse per una questione di sicurezza.

Pero ci son delle volte che... con quel guard rail

non si vede nulla!

Se ce unauto che sta attraversando

la vedi solo allultimo secondo,

pero, nulla da ridire, e stato sicuramente un miglioramento.

 

Che anche a me piacerebbe dessere un ponte

Davvero, ci penso spesso a questa metafora,

anche quando ho finito uno spettacolo,

e viene qualcuno a farmi dei complimenti,

e mi sembrano sinceri,

allora mi faccio grande, lungo,

mi si allungano le gambe,

e mi pare che vadano a finire sottacqua,

a piantarsi nel sabbione della romagna,

e mi si allungano le braccia,

che mi par di toccare tutte due le sponde,

e prender per mano la vecchia generazione da una parte,

e la nuova dallaltra

ma di la ne vedo pochi, ma pochi sul serio,

sembra quasi che non ci sia nessuno!

 

Perche sembra

ma non sono piu un giovanotto neppure io.

Mia madre mi ha fatto sano come un pesce,

forte come la roccia, e bello come il sole,

che me lo ha detto mia nonna,

e anche io ci metto del mio,

perche mi tratto con tutti I riguardi,

pero ho gia superato i quaranta

ed e ora che cominci a guardarmi indietro anche io.

 

E oramai lo posso dire con certezza,

io mi sento a mollo in questo dialetto,

anche se so che la mia acqua

un po piu torbida della vostra,

ed anche se mi par di vedere

che sia un po piu in secca,

vi voglio dire una cosa:

io adesso mi pianto qui, tra queste due sponde,

e vi tengo ben stretto, forte, saldato

che non vi voglio perdere,

e nel frattempo provo di tener stretto

anche dallaltra parte,

per vedere se venisse un ponticello nuovo,

sopra quellargine che mi par che sallontani,

ed anche se arrivasse la fiumana

piu grande del mondo,

ve lo prometto, io non mi muovo piu.