Lorenzo Scarponi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image003.jpg

 

 

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino ‘d Siantinël

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  alla pagina  dell’istituto friedrich schürr

 

Bloz

A sém carsù...
cunténd i vagun dè' tréno
curéndsi dri
tra i pajr.


U n gnè piò...
u n gnè piò un paièr.
Bloz!
Parchè?

E' cino

Ai vagh a la sòira
a la calèd dè sòul.
In pròima foila: disdòi sè cavdél.
A ciud j oc
... é a zoirch t l'aria
è prufoum di fiur d'maréuga
par fèm imbariaghé.
... E' fasèn masèd tra l'érba aèlta
è cèma la su cumpagna.
... La gatina saibàdga ché
par un pcòun
la s lasa gratè la testa.
... Du livar i zuga a coùrsi dri
t'un cantir a d'érba, taiéda da poch

u n la ciapa

u la vo fè s trachè    
E' soul e’ va zo t’è sach
e’ va 'durmoi tra dò novli niri.
... E' vént a forza ad dèi, u j la a fata
pianin, pianin, a farmès.
... Da lòngh u's sint a cantè e’ coch.
La lusa la vén a maènch
e’ vén so e’ scur
ch'e’ mèsa tot.


La voita

Agl'éli d'na pavaiòta.
E' prufoum d' na rosa.
E' dulòur dal spòini.
L'è 'na puésì?
L'è tot 'na cumédia?
Vèra? Finta?
L'onich fiòur ch'a n’ò mai sfiurè...
par pavura da fèl apasoi?

A na fè gnént
u n'i vo nisun curag.

A m'arcourd

Un bel arcourd u n sparés.
T'al mét t'un cantòun
t'al toir fura quant t'vù.
La zéngia ch'la sbat ma tèra
mi pì dè lèt...
è' mi bà.

Nòra


Quant ch'a péns ma li
a so cumè un maèr in burasca:
òndi ch'agl'aroiva fina mè zil
e’ pèr ch'al faza a gara tra 'd lòuv
par avdòi chi ch'l'aroiva piò d'inèlt.
Li s coica, al s'incavala, al sbofa
cumè ché al s'aragnés.
O chi sà, forsé a gl'impréca
ma Bélaria é ma la sù maròina
ch'la s'à fat incuntrè.
E pu pién pién, la caèlma
'na caèlma piata cumè 'na taèvla
da fèi sòura... a n’e’ so quanta straèda
par un sguèrd é un surois.

Savoi

 

E’ paròiva na roba sècra

te silenzi de dòp mezdè

intaènt che tot i s’arpunséva.

La lusa d’na candòila

ch’la n trapaséva la cozla

pr’avdòi dròinta

s’u j’éra la crea de picin

e nö mandae struscia na ciòza

sòura dagl’ovi ceri.

Cla lusa

davènti i tu oc:

guardèi dròinta, fina in cheva

e putòi lez e’ pansir

d’un’espresiòuna pérsa

ch’la n savòiva ne ad me

e ne ad te

…tra cla baldoria

 

Tr'al poighi

G. Villa  San Clemente

 

Qvèl ch' e' feva spech, at cla cusòina

l’era cla gran rola

pina at stlunch, at zoch.

E’ fugh; al lèngvi dal flambi

al chicheva sò al lozli fina me tèt

par fé scapè un’ amna da è’ purgatori.

La zèndra caèlda

duvò ch’ai masimi tra al mòili,

ingupledi tla caèrta zala.

E’ silenzi di burdel

sòta la capa, senza arfiadè;

'na fola la j’avòiva rube al sgresi e i cen.

Qvèla ch’la m'à alvaè

a la vègh ancòura

s ‘na maèna verta sla masèla

è didin sòura i zapli

persa chi sà duvò, e dri ma chi sà chè.

A sint ancòura e’ caèld

d’la su faldaèda

 

 

 

 

Bloz

Siamo cresciuti...
contando i vagoni del treno
correndoci dietro
in mezzo ai pagliai.


Non c'è più...
non c'è più un pagliaio.
Bloz!
Perchè?

 

 

Il cinema

Ci vado alla sera
al calare del sole.
In prima fila: seduto sul cavedale.
Chiudo gli occhi
... e cerco nell'aria
il profumo dei fiori d'acacia
per farmi ubriacare.
... Il fagiano nascosto tra l'erba alta
chiama la sua compagna.
...La gattina selvatica che
per un boccone
si lascia grattare la testa.
... Due lepri giocano a corrersi dietro
in un campo d'erba, tagliata da poco
non la prende
la vuole fare stancare.
... Il sole cala dentro al sacco,
và a dormire in mezzo a due nuvole nere.
... Il vento a forza di darci, ce l'ha fatta
piano, piano, a fermarsi.
... Lontano si sente cantare il cuculo.
La luce viene meno
arriva il buio
che nasconde tutto.

 

 

 

 

La vita

Le ali di una farfalla.
Il profumo di una rosa.
Il dolore delle spine.
E' una poesia?
E' tutta una commedia?
Vera? Irreale?
L'unico fiore che non ho mai sfiorato...
per paura di farlo appassire?

A non far niente
non ci vuole nessun coraggio.


 

Mi ricordo

Un bèl ricordo non sparisce.
Lo metti in un angolo.
Lo tiri fuori quando vuoi.
La cintura che sbatte a terra
ai piedi del letto...
il mio babbo.

 

 

 

Nora

Quando penso a lei
sono come un mare in burrasca:
onde che arrivano fino al cielo
sembra che facciano a gara tra di loro
per vedere chi arriva più in alto.
Si spingono, si accavallano, sbuffano
come se... si sgridassero.
O chissà, forse imprecano
a Bellaria e alla sua marina
che ci ha fatto incontrare.
E poi piano piano, la calma
una calma piatta come una tavola
da farci sopra... non sò quanta strada
per una sguardo e un sorriso.

 

 

 

Sapere

 

Sembrava una cosa sacra

nel silenzio del dopo pranzo

mentre tutti si riposavano

La luce di una candela

che attraversava il guscio

per vedere dentro

se c’era l’origine del pulcino

e non mandare sprecata una chioccia

sopra delle uova chiare (non fecondate)

Quella luce

davanti ai tuoi occhi:

guardarci dentro, fino in fondo

e poter leggere il pensiero

di un’espressione persa

che non sapeva nè di me

e nè di te

…in mezzo a quella festa

 

 

Tra le pieghe

 

Quello che si notava, in quella cucina

era quel gran camino

pieno di legna, pezzi piccoli e grandi.

Il fuoco; le lingue delle fiamme

spingevano su le scintille fino al tetto

per far uscire un’anima dal Purgatorio.

La cenere calda

dove ci nascondevamo in mezzo le mele,

avvolte nella carta gialla.

Il silenzio dei bambini

sotto alla cappa, quasi senza respirare;

una favola gli aveva rubato le risate e le smorfie.

Quella che mi ha allevato

la vedo ancora

con una mano aperta sulla guancia

il mignolo sulle labbra

persa chissà dove, e dietro a chissà cosa.

Sento ancora il calore

del suo grembo.