Lidiana Fabbri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

image003.jpg

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Bruno Polini

Dauro Pazzini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino ‘d Sintinël

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

E’ MÈZ SERVIZI

 

Agli’éra na’ masa al dòni

che la matèina prest

al ciapéva la curiera

ma la staziòun ad Ciarasul

per Rèmni.

Al lavuréva tal chesi di sgnùr

a mez servizi

fina al quatri de dòp mizdè.

 

A pid, so per la costa

e’ pas l’era strach,

ma al duveva pansè mi fiùl znin,

e mi lavur dla chèsa

che i’èra arvenz indrì. 

 

 

LA SBÀNZLA

 

La corda tachèda so

te’ rem gros de’ canadà,

l’àsa per stè da sdé.

A s badurlimi agli óri

sora la sbànzla, in che vulè

se’ vènt ti cavél

e’ pareva d’arvè t’e’ cièl.

Po bel… quand e’ sól

e’ sparpajéva agli ùtmi maci rossi

tra ‘l novli,

i lè sora, sal gambi stesi,

e’ paréva da tuchè sla punta di pid,

la cresta ad Sanmarèin.

 

 

MARIÙL

 

Al tu mèni tra i cavèl

agli è stè carezi,

a n santiva gnènca

i dint de pètni.

Disdè m’e’ sòl

t’a m fèfti la trecia.

A ciacarìmi daventi la porta,

intent a guardimi i nòst

che i’arcuiva e’ fóin t’e’ cróin,

e te

 t’a m pitnivti… 

 

 

DAPARMÈ

 

Al bev tot

sta zet

ch’u j’è ad chèsa,

snà al lanzèti

dl’arlòz tachèd t’e’ mur

li m fa cumpagnia.

 

 

INSOGNE

 

L’è mezanòta,

ho las in zir

la mi s-ciòfla

a sper che qualcun

u la trova

me intènt

a las la porta verta…

 

 

LA PGNATA

 

I tu oc

i guèrda ma tera

ho mes

la pgnata se fugh

aspet che l’aqua la bol

aspet che te zcòr…

 

 

SMÈGNA

 

A j’ò un non so che

masòs,

a n so cusèl ch’l’è

ò voia ad tot

a n’ò voia d’gnìnt.

At fura

e’ ciel u n’à culór

iquè daparme

i mur

a i sint trop stret

 

 

A MEZZO SERVIZIO

 

Erano molte le donne

che al mattino presto

prendevano la corriera

alla stazione di Cerasolo

per Rimini.

Lavoravano nelle case dei signori

a mezzo servzio

fino alle quattro del pomeriggio.

 

A piedi, su per il pendio,

il passo era stanco

ma dovevano pensare ai figli piccoli

ed ai lavori di casa

che erano rimasti indietro…

 

 

L’altalena.

la corda legata

al grosso ramo del pioppo,

l’asse per stare seduti.

Passavamo ore

sull’altalena, in quel volare

col vento nei capelli

pareva d’arrivare al cielo.

Che bello… quando il sole

sparpagliava le ultime screziature rosse

fra le nuvole,

là in alto, a gambe tese,

sembrava di toccare con la punta dei piedi,

la cresta di San Marino.

 

 

MARIA

 

Le tue mani tra i capelli

sono state carezze

non sentivo nemmeno

i denti del pettine.

Sedute al sole

mi facevi la treccia.

Chiacchieravamo davanti alla porta

mentre guardavamo i nostri familiari

che raccoglievano il fieno nel cesto di vimini

e tu

mi pettinavi…

 

 

DA SOLA

 

Lo bevo tutto

questo silenzio

dentro casa,

solo le lancette

dell’orologio appeso al muro

mi fanno compagnia

 

 

 

FANTASIE

 

È notte fonda

ho lasciato in giro

la mia ciabatta

spero che qualcuno

la troovi

io intanto

lascio la porta aperta…

 

 

LA PENTOLA

 

I tuoi occhi

guardano in basso

ho messo

la pentola sul fuoco

aspetto che l’acqua bolla

aspetto che tu parli…

 

SMANIA

 

Ho un non so che

addosso,

non so cos’è

ho voglia di tutto

e di niente.

Fuori

il cielo non ha colore

io, qui da sola,

le pareti

le sento troppo strette…