RavaioliDonnaa

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino d Sintinl

Nevio Semprini

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

Laura Turci.

 

E mi ba

 

E mi ba

l mrt da par se,

int e bdl,

la matena prst.

E pu gnint.

 

Parch la mrta la-n sconta.

La mrta la-t sinsteca

indentar

e la-t fa tent bu

dv chu i pasar la tu vita.

 

 

In ca

 

A st trop in ca

e mnd u-ts scrca ads

e ta-t scurd nench

ad gvard da la finstra.

Agljsi al samocia

na sra cltra

e tdvent znin cmun babin

e tinvei a rmulin cun la tsta.

T voja dun cvl, pu d cltar

mo ta-n tm

e e cr u-t trampala

che l a vnu sra,

e la tu uvant l una parla

in boca a chjtar.

 

 


A e cmpsnt

 

A e cmpsnt l pin dvec

n murt, viv.

I-s ma cun la grzia

dna balarena straca,

i d la porbia a i fiur

i scor cun cvi chi pasa.

Me a-n nho alir; int i vidar dal capli

a gvrd la mi faza

e a-m dmnd se i murt i-m vd

e sa mho da taj i cavel,

un pinsir alir int unria basa.

Sota i pi

una foja seca,

fena tlargna ad bochi svuiti,

la creca int e salgh.

 

 

Mio padre

 

Mio padre

morto da solo

allospedale

di mattina presto.

E poi niente

 

Perch la morte non si dice.

La morte te si infila

dentro

e ti fa tanti buchi

nei quali passer la tua vita.

 

 

 

 

In casa

 

A star troppo in casa

il mondo ti si chiude addosso

e ti scordi anche

di guardare dalla finestra.

Le ossa si ammucchiano

una sullaltra

e diventi piccola come un bambino

e cominci a fantasticare.

Hai voglia di una cosa, poi dunaltra

ma non ti muovi

ed il cuore barcolla

che gi venuta sera

e la tua giovent una parola

in bocca agli altri.

 

 

 

 

 

Al camposanto

 

al camposanto pieno di vecchi

non morti, vivi.

Si muovono con la grazia

di una ballerina stanza,

danno la polvere ai fiori

chiacchierano con i passanti.

Io non ne ho voglia;sui vetri delle cappelle

guardo il mio volto

e mi chiedo se i morti mi vedono

e se dovrei tagliarmi i capelli:

un pensiero volubile in unaria greve.

Sotto i piedi

una foglia secca

fine groviglio di bocche vuote

scricchiola sul selciato..