Germana Borgini

 

 

image003.jpg

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Albino d Sintinl

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

E spc

 

E spc l sfazd, l una spa,

u-t di cla verit chla-t fa ml

ad chi d che ta-n n via

e te, par no di sodisfaziun,

tpas a chul rt e ta-n t zir a guardl.

Ma u i di d che u-n t fa paura;

t laffrunt fza fza

e tste bn, ta-t gurd,

tc t, si tu cavl binch,

si sulch dal risdi,

al somiglinzi si tu fil,

e qul ch-t pis ad pi

l e tu sgurd,

e tu sgurd lbar.

 

BINCA E RӊA

 

Um dl agli osi, a s straca daspit,

e pu, tt tun bt li mum dl pi.

Ads, a s a qu incantda,

i guzlt sald che i curiva

i s frmi, per las e post ma quei dulz.

Si c grand, an gni pos crid,

a vgh davnti mu m

una burdlina binca e rsa.

L la fila de mi fil,

l nda la mi anvuda, a vra rg!

spurbi che mi d

acs viv, acs bel,

mo quest l ancoura m!

Quand la mi cuntanteza

la glia far a scap,

la far un sun liir, grazid,

e per la prima volta non stund!

 

Stavlta a vgh!

 

L qund tc a l tra e vird e sch,

che t ne s se and o arturn,

e basta un gnnt,

una parola tra i dint,

un ucd strta,

un silnzi,

unalzda ad spli,

una zirda ad chul t lt,

e basta un gnnt

che us znd un scrch

tch

e quand l zis u sinfima t ne po farm.

E pu basta, fa quest, fa stlt, guasta, arfa,

d e nota, slarlz m cl!

fat la valisa per and,

per and duv?

Da longh,

l propri necesseri ad f sempra un programa?

A vagh dalngh,

stavlta a vgh.

Quand la pgnta la bl,

dai, dai, dai,

nca la baghna la s-cipa.

Eh, du tandr?

A vagh dalngh,

pi dalngh pusbil

us caps che dalngh n a d pss

dalngh l dalngh

basta no tintin tnt e

tch

us va,

per modi ad di, a n putria and sla luna?

Cum n!

Oz us po,

u j scrt nca se giurnl

e se un giorno allimprovviso

tutte le donne si trasferissero sulla luna?

e tch

us va!

E dop?

Dop, usavdir, intnt a fz la valoisa

sun bl p ad roba,

se la luna la n mi pis, se a n mi trv,

senza programa, a pos f qul ch voi

e tch

am fermi a Scurghda!

 

Mur 1 Pubblica assistenza 2013

 

Dun chnt, stta un cartun,

una testa ad cavl invrucd

la fza spigazda,

d strz intacund.

 

Una tsta,

senza pi

un nm vra,

un bus ad chsa,

una famja.

 

La znta

Laj pasa ad qu e ad l,

da zt,

sla preşa,

cum che fss

un mur da scavid.

 

Un mur slintnac dur,

sa drnta e cr chus squia.

 

 

Lo specchio

 

 

Lo specchio sfacciato, una spia

ti dice quella verit che ti fa male

in quei giorni che non ne hai voglia

e tu per non dargli soddisfazione,

passi indispettita e non ti giri a guardarlo.

Ma ci sono dei giorni che non ti fa paura

lo affronti faccia a faccia

e stai bene, ti guardi,

sei tu coi tuoi capelli bianchi,

coi solchi delle risate,

le somiglianze con i tuoi figli

e quello che ti piace di pi

il tuo sguardo,

il tuo sguardo libero.

 

 

 

BIANCA E ROSA

 

 

Le mie ossa sono dolenti, sono stanca daspettare,

poi, tutto dun tratto non lo sono pi.

Adesso, sono qui incantata,

le lacrime salate che scendevano gi

si sono fermate per lasciare il posto a quelle dolci.

Con gli occhi sgranati, non ci posso credere,

vedo davanti a me

una bambina bianca e rosa.

E la figlia di mio figlio,

nata mia nipote, vorrei gridare!

Ho rispolverato quel mio giorno,

cos vivo cos bello,

ma questo ancora meglio!

Quando questa mia felicit

riuscir ad uscire,

far un suono leggero, armonioso,

e per la prima volta non stonato!

 

 

 

 

Stavolta vado!

 

E quando sei ad un bivio,

che non sai se andare o tornare,

basta un non nulla,

una parola tra i denti,

unocchiata storta,

un silenzio,

unalzata di spalle,

una posizione sbagliata a letto,

basta un niente che si accende un tasto,

tach

e quando acceso sinfiamma non lo puoi fermare.

Poi basta, fa questo, fa quello, guasta, rif,

giorno e notte, con lorologio al collo!

Ho fatto la valigia per andare,

per andare dove?

Lontano,

proprio necessario fare sempre un programma?

Vado lontano,

questa volta vado.

Quando la pentola bolle,

dai, dai, dai,

anche la scrofa crepa.

Eh, dove andrai?

Vado lontano,

pi lontano possibile

si capisce che lontano non a due passi

lontano lontano

basta non esitare e

tach,

si va,

per esempio, non potrei andare sulla luna?

Come no!

Oggi si pu,

c scritto anche sul giornale,

e se un giorno allimprovviso

tutte le donne si trasferissero sulla luna?

e tch,

si va!

E dopo?

Dopo, si vedr, intanto faccio una valigia

con un bel po di roba,

se la luna non mi piace, se non mi trovo,

senza programma, posso fare quello che voglio,

e tach,

mi fermo a Torriana!

 

 

 

Muro.

Da una parte, sotto un cartone,

una testa di capelli arruffati,

il viso stropicciato,

due stracci imbrattati.

 

Una testa

senza pi

un nome vero,

una casa,

una famiglia.

 

La gente

passa di qua e di la,

in silenzio,

con gran fretta,

come foss

un muro da evitare.

 

un muro con lintonaco duro

con dentro il cuore che si scioglie.