NadianiVicoloGaddi1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Dolfo Nardini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rosetti

Lorenzo Scarponi

Albino dSintinel

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA ALLA PAGINA DELLISTITUTO FRIEDRICH SCHRR

 

Franco Sandoli

 

Addio e walzer

 

Oh pr man chci mort senza nisun

om da par te omnabandun

te cht camp smpra dalngh

in Blg o so da l

senza fiul, senza amigh, senza parint,

ads chi t inglup int e blu

de sti a giaca da listda

e al schrpi dsla streti si lazet

ads

ad tot i oc dal doni

chal ridiva int e tu cr

chjlt i ne savr

e i ne savr che la vita

dal vlti la t det:

Te tci e pi bl, te tci e mi fir perft.

Lia la t-l det e te ta j card

la t-l det e chjlt i n sint.

 

 

Felicit

 

Part acs senza d gnint e sabat sra

Scal o da un trno

a la dmnga dria md

int una zit fora dItalia

a l vaiun

du ta-n ci mai st

invjis pianin a p par una strda

farms dagli ri int un incrou

a guard al doni bindi camin

e po dp antr int un bar

e d: Ein caf.

e po rid e f dse cun la tsta

a un chu-t scor senza capil

e po and in ir fina dri sra

guard e sl che cala adl dun fiom

sintis alir

no pens gnint

metsa fis-c:

oc, ureci e straz chi v inqu inl

 

 

La retta via

 

Ads trna pu indria

va a truv du ta-t ci prs

zeirca i post du t mar

tot e gost dla vita

per fal ben, fal int e sri

to so di bon ucil

e e un p d tot i culur

par f croi, frezi e zirc

tot al vlti chagli v

e un quadran cun un lapis

par i tu pansir

e se un bl d tavr fn

e tavr voja davnit a ca

a faam fsta, a-t dagh da bei

e po dop, pianin pianin

ta-m far tot e diegn

 

 

Addio e walzer

 

Oh poveruomo che sei morto senza nessuno

uomo desolato, uomo abbandonato

tu che hai vissuto sempre lontano

in Belgio o gi di l

senza figli, senza amici e senza parenti

e adesso che sei l chiuso

adesso che ti hanno avvolto nel blu

del tuo abito estivo

con le scarpe di pelle legate coi lacci

adesso,

di tutti gli occhi di donna

che ridevano nel tuo cuore

gli altri non lo sapranno

e non sapranno che la vita

a volte ti ha detto:

Tu sei il pi bello, tu sei il mio figlio perfetto.

Lei te lo ha detto e tu ci hai creduto

te lha detto e gli altri non hanno sentito.

 

 

 

 

Felicit

 

Partire quasi di nascosto un sabato sera

scendere da un treno

la domenica verso mezzogiorno

in una citt straniera

tanto lontano

dove non sei mai stato

incamminarsi lentamente per una strada

fermarsi ore ad un incrocio

a guardare le donne bionde che camminano

e poi entrare in un bar

e dire: Ein caf.

e poi ridere, fare di si con la testa

a uno che parla senza capirlo

e poi vagabondare fino a sera

guardare il sole che cala al di la di un fiume

sentirsi leggero

non pensare a nulla

mettersi a fischiare:

occhi, orecchi e stracci che vanno qua e l.

 

 

 

 

 

La retta via

 

Torna indietro oramai

a trovare dove ti sei perso

cerca i posti dove hai smarrito

tutto il gusto della vita

ma fallo bene, fallo con seriet

porta con te dei buoni occhiali

e gesso un po dogni colore

per fare croci, frecce e cerchi

ogni volta che occorreranno

e un quaderno e una matita

per i tuoi pensieri

e se un bel giorno avrai finito

e avrai voglia di tornare

faremo festa, ti dar da bere

e dopo, un po alla volta

ascolter il tuo viaggio.