Dolfo.JPG 

 

 

Loris Babbini

Giancarlo Biondi

Germana Borgini

Gilberto Bugli

Massimo Buldrini

Franco Casadei

Lidiana Fabbri

Tonina Facciani

Carlo Falconi

Pier Flamigni

Paolo Gagliardi

Marcella Gasperoni

Maurizio L. Gasperoni

Marco Grilli

Maurizio Grilli

Roberto Mercadini

Gabriele Paradisi

Dauro Pazzini

Bruno Polini

Danila Rossetti

Albino ‘d Sintinël

Franco Sandoli

Lorenzo Scarponi

Nevio Semprini

Laura Turci

Simone Zanette

Claudio Zuccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TORNA  ALLA PAGINA  DELL’ISTITUTO FRIEDRICH SCHÜRR

Dolfo Nardini

Tango

I

 

Fora pirs int la nebia

l’è nuvembar

ad dentar a s’atruvem

par balè e’ tango

u i vó dl’urecia

stè ’tenti a e’ pas

che l’à da l’es sicur int al figuri

int e’ nes

l’udor di su cavel

ch’u t’va a la testa…

 

intent che e’ mond

ad fora

cun nun o senza ad nun

e’ và in arvena.

II

 

Ad furmighed

sta sera u ngn’è

gnenca e’ post

par balè

pr i balaren

ch’i è tot scrichì

ch’i pesta in cal do predi…

che sia l’orchestra?

la cantenta breva?…

O che sia inveci

che ad fora

u j è la bura?…

III

 

I bar ch’i è int al stazion

viti strusciidi

i albirgh

quii ch’i à int i mur

cherti fiuredi

e la musica

la musica de’ tango

e i viaz

ch’i è i viaz a svuit

di viazadur.

IV

 

Pitnès…

’Tenti a no spurchè al scherpi…

Ad poza ad pes

che ven só da cla turca…

’Venti int e’ scur

cun al men aventi…

La musica…

Dagli ombri…

Adiós muchachos...(1)

... e lia ch’la è là

d’insdéi

a la vegh a scor

¿Será mujer o junco…(2)

quand ch’la bala?

A veces me pregunto
si no será mi sombra]

y, como yo, se muere, por bailar ! (3)

 

V

 

Dop ’vé balè

a sam andè a ca sua

e apena entreda

lia la va int e’ bagn

me a m’infil int la cambra

a m’spoi nud ned

al gambi in crosa

in sdei

int e’ mez de’ let

 

-Guerda st’a m’vu a sò ’csé

e st’a n’um vù di ’d no!-

 

         -Me a t’voi Mazini

nenca st’a n’ci un gran che

         e a t’avreb vlù d’istes

nench pez d’acsé.

Parchè te t’ci ’csé brev

quand ch’t’bal e’ tango-

VI

 

Fora dla porta

cun è nes int e’ vedar

a guerd i balaren

senza la musica

a incavales

int i zir de’ tango

...

corrida

garabito

media luna…

 

J oc cius

la men a lè

in du ch’l’incminza e’ stì

sota a la schina nuda

al gambi al s’piga

al s’stresa int al figuri

dal volti e pè ch’al vaga

da par sé

… e me ch’um ciapa

un cheld

ch’u m’ va al testa

ch’a sud

puzè

contra e’vedar giazé.

VII

 

Quand t’cminz

a guardè al mami

piò dal fioli

l’è segn che t’é finì

che ormai t’ci vec.

 

 

Note:

  1. da “Adios muchachos (1927), musica di J.C.Sanders, testo di C.Verdani
  2. da “Così si balla il tango” (’42):

     lei sarà donna o giunco quando fa

     una figura?

  1. A volte mi domando\ se non sarà la

     mia ombra\ e lei, come me, muore,

     muore per ballare.

 

Tango

 

 

I

 

Fuori, persi nella nebbia

è novembre

dentro ci troviamo

per ballare il tango

ci vuole orecchio

stare attenti al passo 

che deve essere sicuro nelle figure

nel naso

l’odore dei suoi capelli

che ti va alla testa…

 

intanto che il mondo

fuori

con noi o senza di noi

và in rovina.

 

 

 

II

 

Che formicaio

stasera non c’è

neanche posto

per ballare

per i ballerini

che sono accalcati

a pestare quelle due pietre…

che sia l’orchestra?

la cantante brava?...

O che sia all’opposto

che fuori

tira la bora?...

 

 

 

III

 

I bar delle stazioni

vite sciupate

gli alberghi

quelli che hanno sui muri

carte fiorate

e la musica

la musica del tango

ed i viaggi

che sono  viaggi a vuoto

dei viaggiatori.

 

 

 

 

IV

 

Pettinarsi…

attenti a non sporcare le scarpe

che tanfo di orina

sale da quella turca…

Avanzare nel buio

con le mani avanti…

La musica…

Delle ombre…

Adiòs muchachos…

… e lei laggiù a sedere

la vedo parlare

¿Será mujer o junco…

quando balla?

 

A veces me pregunto
si no será mi sombra]

y, como yo, se muere, por bailar !

 

 

 

V

 

Dopo aver ballato

siamo andati a casa sua

e appena dentro

lei va in bagno

io mi infilo in camera

mi spoglio nudo

le gambe incrociate

seduto

in mezzo al letto

-Guarda, se mi vuoi sono così

e se non mi vuoi dì di no!-

 

-Io ti voglio Mazzini

anche se non sei gran che

e ti avrei voluto lo stesso

anche peggio di così.

Perché sei bravo

quando balli il tango.-

 

 

 

 

 

Fuori dalla porta

col naso al vetro

guardo i ballerini

senza musica

attorcigliarsi

nei giri del tango

 

Corrida

garabito

media luna…

 

Occhi chiusi

la mano lì

dove inizia il vestito

sotto la schiena nuda

le gambe si piegano

si strascicano nelle figure

a volte sembra vadano

per loro conto

…e m’assale

un caldo

che mi va alla testa

e sudo

appoggiato

contro il vetro gelato

 

 

 

 

VII

 

Quando inizi

a guardare le madri

più delle figlie

significa che hai terminato

che ormai sei vecchio.